IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In attesa del concerto Valerio Scanu si racconta ai savonesi

Savona. Valerio Scanu in concerto sabato 25 giugno a Savona, per la prima volta in Liguria. Sarà l’unica tappa del suo tour estivo. Valerio canterà con la sua band allo Stadio Bacigalupo (inizio concerto ore 21.00).

In attesa del grande evento allo stadio comunale del Bacigalupo, Valerio Scanu in tour, ha rilasciato una breve intervista per avvicinare e far conoscere alla città di Savona la sua musica e un po’ della sua vita. Un giovanissimo artista con un grande talento che riapre i cancelli dello stadio, dopo circa 20 anni di pausa, alla musica, ai giovani e al divertimento…

La Liguria a Valerio ha portato tanta fortuna e tanta fama, ecco allora che nasce spontanea la domanda: dopo il successo di Amici, e soprattutto dopo la vittoria di Sanremo, com’è cambiata la tua vita?
“Sicuramente Amici e poi Sanremo hanno cambiato totalmente la mia vita. Sono sempre in giro ed ancora non mi sono fermato. La vita è diventata più frenetica, sono ovviamente molto felice di questo perché sto realizzando tanti sogni piano piano…”.

La musica che proponi al pubblico riflette anche la tua vita?
“Io sono principalmente un interprete, anche se nell’ultimo disco un testo è stato scritto da me; comunque ci tengo a metterci del mio in tutto ciò che canto e spesso molti testi riflettono la mia vita. Il mondo della musica è molto competitivo, tra i vari talent show i cantanti giovani e talentuosi come te sono in tanti”.

Cosa deve fare seconde un cantante perché non venga messo da parte o venga dimenticato? Come si possono tenere i riflettori accesi?
“E’ vero siamo in tanti provenienti dai talent ma ognuno di noi ha delle caratteristiche differenti e pubblico differente. Il segreto è essere se stessi e cercare di non sovrastare nessuno, c’è posto e spazio per tutti”.

Hai in programma un nuovo album? O è già uscito? Parlacene…
“Il mio ultimo disco si chiama Parto da Qui ed è uscito a novembre scorso, da pochi mesi è sul mercato Parto da Qui Tour Edition che contiene un nuovo inedito e un dvd live. In questo periodo sto cercando nuovi pezzi su cui lavorare, ci sarà sicuramente un nuovo disco nel 2012”.

Qual’è la soddisfazione più grande che questo mestiere ti ha regalato?
“I fan sono la soddisfazione più grande, vederli sempre presenti e attivi mi da molta carica e forza!”.

Ti ritieni una persona fortunata o semplicemente ricompensato per le fatiche e le rinunce che hai dovuto fare in passato per essere quello che sei?
“Sicuramente la fortuna è stata presente nella mia vita, non posso negarlo, ma anche tanti sacrifici sin da piccolino. A 12 anni facevo pianobar nella mia città ed ho partecipato a molti concorsi canori… poi è arrivato Amici, Sanremo, e con loro un bel po’ di fortuna”.

Riesci ad avere una vita privata, nonostante tutti gli impegni?
“Ci provo, anche se non nego la difficoltà nel gestirla. Sono contento di avere molti impegni, ci posso mettere la firma”.

Hai mai giocato a calcio da piccolo o anche adesso?
“Mmm… sono abbastanza negato, anzi totalmente negato! Ci ho provato da bambino ma ho capito di non essere molto portato”.

Che ruolo ti piacerebbe coprire se dovessi giocare in una partita di calci?
“Arbitro…” (sorride).

Segui un po’ il calcio? Sei tifoso?
“Non sono molto tifoso ma quando ci sono i mondiali mi sento un gran tifoso ed esce fuori il patriottismo che c’è in me”.

Parlaci delle future tappe del tuo tour.
“Il 25 giugno sarò a Savona allo stadio Bacigalupo. Poi andrò oltreoceano fino alla città di Toronto in Canada dove mi esibirò il 2 e il 3 Luglio, mentre il 9 Luglio aù Goia del Colle(Bari) presso la Ex Distilleria P. Cassano. Vi aspetto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Annarella

    Cosa darei per vedere Valerio fare l’arbitro in una partita di calcio! Lo sport non sembra proprio il suo forte. In compenso ci delizierà sabato in concerto. In bocca al lupo!