IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il “popolo di Saremar” soddisfatto a metà: per alcuni il viaggio non è poi così “low cost” foto

Vado L. Il popolo di Saremar si divide a metà, tra chi ammette che senza quelle tariffe scontate le vacanze in Sardegna sarebbero diventate un salasso a cui sarebbe stato difficile far fronte, e coloro che si mostrano delusi di fronte a “tagli” minimi del prezzo del biglietto.

“Si tratta di tariffe certamente concorrenziali – dice uno dei vacanzieri che ieri era in coda con la propria auto nell’attesa di salire sul traghetto che lo avrebbe portato da Vado Ligure a Porto Torres – ma ci aspettavamo che costasse comunque meno. Ad esempio, già rispetto a due anni fa abbiamo comunque pagato il doppio”.

“Credo che quella di ‘viaggio low cost’ non sia una definizione corretta – dice un altro viaggiatore – Noi abbiamo risparmiato solo 50 euro rispetto al prezzo del traghetto tradizionale che parte da Livorno: invece di 610 euro abbiamo sborsato 560 euro”.

Quasi tutti, però, ammettono che il richiamo della Sardegna sarebbe stato comunque troppo forte per potervi rinunciare, nonostante la crisi e il caro-traghetti che ha contagiato molte compagnie di navigazione. La Saremar ha promesso sconti anche pari al 50% rispetto ai suoi concorrenti, ma pare che non tutti abbiano beneficiato di cotanto risparmio.

“La tariffa applicata è comunque migliore a quella di molte altre compagnie – dice un signore in partenza – Magari non avremmo rinunciato alle vacanze sarde, ma sarebbe stata comunque più dura. Sono abbastanza soddisfatto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CBC

    Allora, qui non ci capiamo……….. La sostanziale differenza è che saremar applica tariffe fisse stagionali,(alta, media e bassa) senza opzioni o altri benefit che invece applicano a spot, le altre compagnie, in particolare la Moby. In linea di massima, se si va sul sito Moby un paio di volte al giorno e nel giro di una settimana, si noterà che a date e destinazioni diverse(GE/ Olbia – GE/P.to Torres) corrisponderanno di volta in volta prezzi o offerte diverse. In questo modo si ha la possibilità di trovare tariffe più o meno basse. quindi, volendo, con Moby avendo disponibilità di scegliere liberamente la data di partenza e ritorno, si può facilmente trovare prezzi più bassi di Saremar, che invece ha tariffazione fissa. La questione sarebbe di dire le cose come stanno, ovvero i prezzi sono comunque alti e Saremar non ha applicato le tariffe che avrebbe dovuto applicare in relazione a tutta la pubblicità fatta. I costi, ripeto per l’ennesima volta, sono stati aumentati da tutte le compagnie dopo i disordini in Libia con la scusa del petrolio che incide realmente per meno del 2% del totale. Avrebbe dovuto mantenere le tariffazioni applicate da Moby e GNV prima degli eventi che si aggiravano in media, per un biglietto di A/R con la classica offerta di auto a 3 euro o simile e passaggio ponte, intorno ai 100/120€. Invece si è allineata alle altre partendo con prezzi di base identici. Oltre ai preventivi già citati nei miei precedenti commenti, ho provato anche a fare il preventivo con Corsica Ferries da Vado L. a Bastia, traversando la Corsica e prendendo il traghetto da Bonifacio a S. Teresa. Ebbene, le tariffe hanno dell’incredibile. Costa meno A/R Vado L.- Bastia che A/R Bonifacio – S.Teresa Gallura con Saremar e Moby(quest’ultima 10€ in più). Non ci credete? Andate a vedere e fatevi i conti…… A me risulta che partendo il 13 luglio alle 18.30 da Bonifacio e il ritorno il 7 settembre alle 11.15, il prezzo del biglietto A/R sia addirittura di 90 € per fare circa 7,5 miglia in 50′ !!!! Volete sapere per le stesse date quanto costa A/R Vado/Bastia con Corsica ferries x completare la tratta? ecco qua: 102,11 €. Solo 12 € in più di Bonifacio/S.Teresa per ben circa 105 miglia………….. Strano eh?

  2. Scritto da Savoona

    Sicuramente è la definizione “low cost” che fa storcere il naso visto che i prezzi come giustamente detto sono mediamente più bassi delle compagnie private (Moby e Gnv) e di quella pubblica (Tirrenia) ma non c’entrano nulla con la definizione di low cost che è stata tirata fuori prettamente dai media, se non sbaglio i responsabili della compagnia parlano sempre di “prezzi calmierati” che è la definizione più adatta.
    Detto questo, essendo pure io un vacanziero abituale per la Sardegna, sono felice che quanto meno si cerchi di contrastare quello che sembra essere un nuovo monopolio privato (prima era pubblico con la Tirrenia), dopo qualche anno in cui i prezzi erano davvero concorrenziali e si riusciva ad andare in Sardegna a prezzi davvero bassi, da quest’anno si è tornati ad una situazione inaccettabile, rincari paurosi, nel mio caso (due persone + auto) pagherei circa il doppio, con la Saremar riesco quantomeno a limitare il prezzo (se pur resta caro).