IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giunta di Savona, è ancora toto-nomine: occhi anche sulle partecipate

Savona. La composizione della nuova giunta comunale di Savona, così come delineata dalle indiscrezioni, è sempre la stessa. Franco Lirosi, Luca Martino e Paolo Apicella, rispettivamente a lavori pubblici, sport e bilancio, commercio, assicureranno le quote al Partito Democratico per il suo pacchetto di voti preponderante.

La giovane Elisa Di Padova dell’Italia dei Valori sarà l’assessore al turismo, mentre Isabella Sorgini proseguirà l’opera nei servizi sociali. Paolo Gaggero entrerà nell’esecutivo per l’urbanistica. Jorg Costantino viaggia verso la conferma all’ambiente, mentre Sergio Lugaro è in predicato per l’assessorato ai quartieri.

Il nono posto è quello su cui si scatenano gli interessi di Api-Udc, Socialisti e lista pro Berruti, ma è possibile che il primo cittadino lasci passare qualche mese prima di assegnarlo, così da comporre con calma il mosaico delle assegnazioni dei ruoli anche nelle società partecipate. Il nome più accreditato è quello di Sara Vaggi, eletta nella lista civica a sostegno del sindaco uscente, che con le sue 288 vanta un biglietto d’ingresso.

Fin qui il toto-nomine: l’ufficialità arriverà fra dieci giorni, il 14 giugno, in concomitanza con il primo consiglio comunale. Tuttavia, è probabile che Berruti anticiperà nomi e deleghe all’inizio della prossima settimana. Non è escluso che lo stesso Berruti spiazzi gli addetti ai lavori con qualche sorpresa dell’ultima ora. Restano poi un’incognita la presidenza dell’Ata (Livio Giraudo è incompatibile, come anticipato da IVG.it nei giorni scorsi) e due posti nel consiglio d’amministrazione della stessa, cda che fino ad oggi è andato avanti per successivi rinvii della procedura di nomina.

Ma c’è anche la pletora delle società partecipate, un paracadute sul quale molti fanno affidamento per trovare una gratificazione post-elettorale. L’elenco è sostanzioso, ma non è sempre un motivo di soddisfazione per i nominati: Consorzio Depurazione Acque, Acts Spa, Spes Scpa, IPS Scpa, Ecosavona Srl, Autostrada dei fiori Spa, Cooperfidi Scarl, Agenzia Regionale per il recupero edilizio Spa, Sviluppo Italia Liguria Scpa, Filse Spa, Autostrada Albenga-Garessio-Ceva Spa e Aeroporto Villanova d’Albenga Spa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Socrate

    concordo con quanto detto da Carlo M. tranne che per un fatto: se fosse stato eletto Marson, semplicemente avresti dovuto essere cugino non più della Sorgini, ma di qualcun altro.
    Non sarebbe cambiato nulla, come abbiamo visto ampiamente in ACTS e Provincia dove Marson è transitato.
    Ci sarebbe stato solo più maleducazione e arroganza, ma gli intrallazzi, di destra o di sinistra, sarebbero uguali, purtroppo…

  2. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    A.A:A. Cercasi lavoro per municipalizzata Savona possibilmente CDA o Presidenza. Politicamente automunito con tessera interscambiabile. Va bene che Berruti ha vinto le elezioni raccogliendo il 56% dei voti (sulla carte erano il 64% ma vabbè nessuno guarda il capello) però il mercato della vacche “con rispetto parlando” sta assumendo connotazioni vicine al delirio di onni potenza…Se penso che per poco a Savona non si avevano due partiti in più in alleanza a sto punto immagimo si sarebbe creata una Municipalizzata in più dopo il 1.4 milioni di euro (i 5 anni) destinati allo staff. Mi chiedo se qualche concittadino si sia pentito di non votare uno come Marson che avrebbe fatto l’esatto ocntrario tagliando tutto ciò che è perfettamente inutile. p.s. se fossi cugino della Sorgini avei qualche possibilità in più?

  3. Scritto da Droppy

    Ed io che pensavo che a guidare i vertici delle aziende partecipate si scegliessero solo giovani laureati, preparati, intraprendenti e meritevoli!!! Dico solo che la spartizione delle poltrone è una vergogna…! “…gratificazione post-elettorale…” ma vi rendete conto!?!?!? Vanno ridotti drasticamente i soldi e posti della politica!!