IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Federalismo municipale, il sindaco di Boissano: “Sarà comprensibile solo con la definizione del fondo di compensazione”

Boissano. “Forse non ci siamo resi conto neppure noi amministratori di quanti cambiamenti porterà, per i Comuni e quindi per i cittadini, l’approvazione del federalismo municipale”. A dirlo è Rita Olivari, sindaco di Boissano, che analizza le conseguenze della nuova normativa, anche alla luce del supporto dell’Anci Liguria che segue gli enti pubblici nella delicata fase di transizione.

Il rapporto economico fra Stato ed enti locali va modificandosi: i Comuni, di qualunque dimensione, assumono autonomia fiscale e hanno la possibilità di incamerare nuove entrate non avendo più trasferimenti dalla capitale. “I Comuni dovranno compensare questi ultimi – sottolinea Rita Olivari – aumentando l’addizionale Irpef, a scapito soprattutto di pensionati e lavoratori dipendenti, sperare nella quota della cedolare fissa sugli affitti, sempre che ci siano molte case in affitto altrimenti questo sarà un gettito inesistente, e fare gli sceriffi per scovare eventuali evasori e poter avere una quota della mancata entrata”.

“Tutto questo per un paese come il nostro dove le case sono per la maggior parte prima abitazione, quindi neppure l’imposta di soggiorno potrà essere applicata e del resto sarebbe un disincentivo al turismo, dove la polizia municipale consta di un vigile a tempo pieno e uno part-time che difficilmente potranno fare ricerche su capitali sommersi” osserva il sindaco di Boissano.

“La manovra sul federalismo municipale sarà comprensibile solo quando verranno definiti i sitemi del fondo perequativo di compensazione. I piccoli Comuni dovranno necessariamente mettere insieme le loro forze per mantenere le loro funzioni, i loro servizi verso i cittadini senza vessarli. Certo è che per ridurre i trasferimenti dallo stato sulle spese amministrative ai comuni si pesca nuovamente nelle tasche dei cittadini, senza nulla fare sulla riduzione dei costi statali” conclude Rita Olivari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antani

    Ad un governo che ha nel suo programma il federalismo e continua a tagliare sulle amministrazioni locali ed a imporre dall’alto di tutto….

  2. gianluca@merciai
    Scritto da gianluca@merciai

    la nuda e cruda realtà dei piccoli comuni non a vocazione turistica che sono con l’acqua alla gola e che rischiano di non poter assicurare i servizi essenziali alla cittadinanza. A chi devono dire grazie ?