IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Estate e movida: Albisola, Alassio e Loano si preparano all’invasione dei turisti

Proprio oggi, ad Albisola Superiore, si inaugura il bus navetta che, da Luceto, percorrerà tre chilometri circa per arrivare alla costa. Il tutto, per pemettere ai turisti di visitare la cittadina rivierasca senza impazzire alla ricerca di parcheggio: nel campo da calcio di Luceto, infatti, c’è posto per 310 auto che eviteranno così di arrivare in centro.

E’ una delle soluzioni che il Comune albisolese ha adottato in vista della stagione estiva che, per una località balneare, significa aumento esponenziale della popolazione così come delle manifestazioni con tutte le conseguenze, positive e negative, che ciò comporta. “Cercheremo di concentrare parte degli eventi nella zona della gradinata della passeggiata dove abbiamo allestito un palco – dice il sindaco Franco Orsi – Ogni anno, di questi tempi, si parla di movida e della necessità di soddisfare le esigenze di divertimento di alcuni con il diritto alla quiete e al riposo di altri. In questo senso, stiamo pensando ad una riduzione degli orari degli spettacoli di allietamento: ad esempio alla musica dal vivo nei locali, che ora è possibile fino alle 2 di notte. Ecco, nel corso della settimana si potrebbe smettere di suonare prima”.

Dilemmi con i quali devono fare i conti un po’ tutti i sindaci di regioni turistiche come la nostra. “Loano sta puntando molto sulla movida – aggiunge il sindaco Luigi Pignocca – Hanno aperto nuovi locali nella zona del porto, primo fra tutti il ‘BFly’, in cui si concentra il divertimento della provincia di Savona. Al di là delle polemiche sulla ‘regina del divertimento’ e della ‘battaglia’ fra Loano e Alassio, non possiamo che propendere verso l’idea di una città sempre più turistica. L’apertura del ‘BFly’, a parte i primi giorni di assestamente a livello di decibel, non ha causato alcun problema agli abitanti della zona”.

Ad Alassio, indubbiamente uno dei centri che raccoglie più locali e, di conseguenza, più giovani, il neo assessore al Turismo, Rinaldo Agostini, è chiaro: “Qui siamo per il rispetto delle regole. E’ giusto che i ragazzi si divertano ma è altrettanto vero che chi investe in una seconda casa da noi non può subire caos tutte le notti. Pensiamo ad una soluzione che preveda concerti con musica più soft in centro e iniziative più ‘rumorose’ in luoghi meno abitati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da loano67

    17/6. Peccato che il divertimento di 100 sia a discapito di altri 1000 che scelgono di dormire di notte. NO DISCOTECHE ALL’APERTO!!! La zona Porto di Loano vuole riposare.

    1/7. Io a Loano ci vivo 2 mesi all’anno, io amo Loano, pago ICI e TARSU al comune, e in quei mesi porto molti più soldi ai negozianti di quelli che vanno a ballare al Bfly, però loro sicuramente sono quelli dei “POTERI FORTI” che in Italia fanno tutto quello che vogliono, in un altro paese non si terrebbe aperta una discoteca alle 4 di notte che il rumore si sente fino all’Ospedale di Santa Corona. La Liguria deve mantenere il turismo delle famiglie, non può competere con la Romagna.

  2. G.B. Cepollina
    Scritto da G.B. Cepollina

    Brovu Scimun! Mi nu dispessavu i paesi dell’entruterra…i cunsigliovu ai menabelin du postu che se lamentan sempre… Ma lasciù se lamentieva pe e sagre o pe u cantó di grilli… I suppurtiemmu…e lu suppurteriannu u bfly… D’altronde io l’ho sempre detto e scritto: “la musica non è rumore!”

  3. La Premessa
    Scritto da La Premessa

    Comunque se anche il rumore fosse forte, sarebbe presente per circa 2 mesi all’anno al massimo 3 e soprattutto dal giovedì alla domenica (perchè il turismo ormai è limitato al week end). Capisco che per chi si deve alzare al mattino possa essere un problema, ma se vogliamo che la nostra riviera rimanga un minimo turistica, dobbiamo sacrificarci.
    Per quanto riguarda l’entroterra, il discorso è differente, molte località (estremamente carine e divertenti e con strutture ricettive disponibili e personale cortese) vorrebbero avere più rumore e turismo, ma a causa della complessità di raggiungimento delle stesse ciò non è possibile.. chi ha il pane non ha i denti e viceversa……

  4. Scritto da giasone

    aggiungo che molti dei “lamentanti ” i rumori del bfly oltre ad essere dipendenti santa corona affittano alloggi in nero forse i rumori disturbano i loro affari

  5. G.B. Cepollina
    Scritto da G.B. Cepollina

    @ bach, non mi risulta che dai controlli effettuati siano emersi molti casi di superamento dei livelli sonori. Certo i limiti imposti dal comune per la stagione estiva sono abbastanza permissivi ed in casi particolari (concerti, notte bianca etc) vengono derogati. Ma essendo Loano una città turistica credo che la tolleranza, nei mesi estivi, sia doverosa.