IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Edoardo Rixi (Lega Nord): la Liguria non è una discarica

Oggi il Capogruppo della Lega Nord in Regione Liguria Edoardo Rixi ha presentato una mozione mirante ad impedire l’arrivo nella nostra regione di quantitativi di spazzatura napoletana, e domani porterà in aula un Ordine del Giorno con lo stesso obbiettivo e per il quale la Lega Nord chiederà la firma di tutti i Gruppi politici regionali. “Non è ammissibile” dichiara il Capogruppo del Carroccio “che ogni tre o quattro anni si presenti di nuovo la stessa litania.

Già nel 2004 e nel 2006 la Liguria è stata presa per la discarica d’emergenza della Campania, e ancora nel 2010 ci siamo opposti all’ennesimo stock d’immondizia. La legge parla chiaro,” spiega l’esponente leghista “tanto chiaro che la sentenza n. 10 del 2010 della Corte Costituzionale, ribadita il mese scorso dal TAR del Lazio,  impone il divieto di smaltimento dei rifiuti urbani di provenienza extraregionale.

La Liguria ha già seri problemi per quanto riguarda l’immondizia, a cominciare dalla discarica di Scarpino che è al limite della capienza e che doveva essere chiusa diversi anni fa. In queste condizioni accettare la rumenta campana sarebbe da incoscienti. Senza polemica” conclude Rixi “sarebbe meglio che il Governatore Caldoro ed il Sindaco De Magistris inizino a pensare a risolvere i problemi a casa loro e non a scaricarli sugli altri come ha fatto per anni la Giunta Bassolino.”

Edoardo Rixi
Capogruppo in Regione
Lega Nord Liguria

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Parlavo qualche giorno fa’ con chi dal vetro (che buttiamo pagando)
    ottiene un materiale poroso valido come asfalto drenante
    o come isolante per il sottofondo di edifici
    o piscine
    o giardini pensili …
    ed ora viene utilizzato con successo anche con applicazioni verticali ….
    (in europa …. da noi …. adelante, Pedro, con juicio …..)
    .
    Pare che la materia prima (il vetro ….. “rifiuto”)
    risulti ottimo al primo deposito (quello dei cittadini)
    poi viene ritirato ed ammucchiato ….. e diventa gia’ meno buono …
    passa in altre mani che lo spezzettano malamente aumendone il costo ….
    deteriorandolo nuovamente ….
    conferito con un ulteriore costoso passaggio alla fabbrica
    e’ in condizioni tali da determinare ulteriori costosi passaggi …….
    .
    “pare” che se si saltassero i passaggi utili solo a far lievitare i costi …..
    .
    sarebbe decisamente meglio …..
    .
    “pare” che costi meno ….. acquistare “rifiuti” (o meglio la materia prima”) …… altrove ………
    .
    “pare” ……
    ,
    Non sarebbe ora di eliminare quelle operazioni inutili e fatte male?
    anche questo e’ un metodo per ridurre gli sprechi ed i costi
    (anche della politica ….
    tante amministrazioni “che non servono …. che non apportano alcun beneficio” rappresentano sprechi ormai insostenibili …….
    se devono servire “solo” per far “crescere” una nuova classe dirigente ….. si puo’ anche pensare a realizzare dei “master” decisamente meno costosi).

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Mi rifiuto di pensare che gli inceneritori attualmente presenti sul territorio nazionale non siano in grado di smaltire gli eccessi di alcune regioni.
    .
    Il problema rifiuti e’ un problema nazionale che “scioccamente” e’ stato dato in competenza alle regioni ed ai comuni rendendolo di fatto ingestibile (affidare un lavoro a chi non e’ capace di svolgerlo e’ una sciocchezza).
    .
    La gestione dei rifiuti andrebbe risolta in modo differente ….
    .
    alle amministrazioni locali il compito di vigilare sui “reati” di abbandono ..
    a chi e’ in grado di farlo l’onere (ed i vantaggi) di una raccolta economicamente valida ..
    (si paga in base al conferito e non a casaccio su basi assurde come i metri quadri)
    .
    Il rifiuto ha due aspetti ….
    e’ un qualcosa che puo’ essere materia prima o fonte energetica per chi e’ in grado di utilizzarlo
    e contemporaneamente un qualcosa di cui altri desiderano liberarsi al piu’ presto … pagando …
    .
    se si lasciassero fuori da questo discorso quanti non fanno nulla se non complicare le cose e se si lasciassero operare liberamente le leggi di mercato …..
    .
    il problema sparirebbe senza lasciar traccia.
    .
    Il guaio e’ che si “passa” di continuo l problema ad amministrazioni che non hanno alcuna funzione operativa valida ….. tendono solo a spendere quattrini per incassarne altri da sprecare …..

  3. Scritto da protesta

    @Roberto 2:è la regione che deve organizzarsi per lo smaltimento dei rifiuti.Per quel che riguarda la nostra spazzatura,fino a prova contraria conosciamo il significato delle parole “raccolta differenziata”e la mettiamo in pratica.Non abbiamo mica bisogno di andare in televisione come quelli del Vomero per dirlo…

  4. Scritto da roberto 2

    Chissà cosa dirà il sig. Rixi quando la Liguria dovrà “esportare” spazzatura in altre regioni, il momento, purtroppo, arriverà prima o poi e toccherà anche noi.