IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Depuratore di Villanova, l’assessore Briano: “Mi auguro finiscano le polemiche tra gli enti”

Regione. La stoccata era già arrivata qualche giorno fa, quando la Commissione europea aveva dato l’ultimatum all’Italia per la violazione della normativa Ue sul trattamento delle acque reflue. “Un italiano su tre è senza depurazione e gli altri due hanno un trattamento non sufficiente alle necessità. Sulle acque reflue siamo fuorilegge da 13 anni ed è indegno che il settimo Paese più industrializzato al mondo debba aspettare l’ultimatum dell’Europa per adeguarsi alla normativa” avevano marcato i responsabili di Legambiente.

Oggi, in occasione dell’avvio della campagna di Goletta Verde, l’associazione è tornata a bacchettare e nel mirino è finita la Regione Liguria, in particolare sui porticcioli turistici e sui depuratori. “Credo che Legambiente dovrebbe farci un plauso perché abbiamo fatto la moratoria sui nuovi porti – risponde l’assessore regionale all’ambiente Renata Briano – Poi andremo in consiglio per dire stop ai nuovi porti e se eventualmente ci fosse le necessità, vedremo con quali criteri costruirli”.

Per quanto riguarda i depuratori, Briano ha detto: “Quest’anno è stato caratterizzato da una spinta verso la depurazione, che in alcune zone è sufficiente – spiega – in particolare la stessa Comunità Europea e il ministero dell’Ambiente ci hanno indicato quali sono gli agglomerati dove la depurazione è assente o insufficiente e su questo ci siamo concentrati, facendo grandi passi avanti”.

“Basti vedere Villanova d’Albenga, dove finalmente si è definito il sito per la collocazione dell’impianto e mi auguro finiscano le polemiche tra Provincia e Comuni – continua Briano – Poi ci sono Recco e Santa Margherita, in cui i lavori sono già avanzati e Rapallo, dove con il Comune e la Provincia abbiamo identificato il sito. Spero non si torni indietro, altrimenti sarebbe una perdita di tempo inutile. Nessuno vorrebbe il depuratore vicino a casa, ma bisogna ricordare che sono impianti di interesse pubblico e servono per il bene di tutti, del nostro turismo e della nostra economia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.