IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bocce volo, ad Alassio si assegnano i titoli europei per società foto

Più informazioni su

Alassio. Dieci squadre, in rappresentanza di Croazia, Francia, Montenegro, Slovenia, Svizzera e Italia, con i più forti interpreti della disciplina a livello internazionale, si accingono a dar vita, tra domani, venerdì 3, e domenica 5 giugno, ad Alassio, nell’accogliente cornice del palasport Ravizza, allestito a tempo di record, alle finali delle tre competizioni continentali, per la prima volta organizzate in contemporanea e nella stessa località.

In campo fior di campioni, atleti di valore ed esperienza, che hanno vestito più volte le maglie delle rispettive nazionali e che si sono già fregiati di titoli mondiali ed europei. All’atto conclusivo del trofeo più prestigioso, la Coppa dei Campioni d’Europa maschile, che torna in Liguria tre anni dopo Riva Trigoso, sono giunte ben tre formazioni italiane (non era mai successo in passato). Si tratta della Brb Ivrea, detentrice del titolo (l’anno scorso nella finale – derby ebbe la meglio a Biella sul San Daniele) e vincitrice dell’ultimo scudetto, de La Perosina, altra esponente piemontese (da Perosa Argentina, Torino), e della Pontese, in arrivo da Cordignano. Unica esponente straniera è la quotata compagine croata del Trio Buzet, vincitrice della Champions nel 2009.

In passato, su 21 edizioni disputate, le italiane hanno trionfato 16 volte. Fa sensazione l’assenza dei francesi, le cui tre rappresentanti sono state eliminate nei turni precedenti. Non ci sono club liguri, ma la regione ospitante è degnamente rappresentata da diversi atleti, tra i quali Carlo e Paolo Ballabene, punti di forza della Brb Ivrea. Da non perdere la prova di staffetta, nella quale sabato scorso il duo della Pontese, Ziraldo – Rednak, ha eguagliato con 59/61 il record mondiale.

In campo femminile si affrontano le campionesse nazionali dei quattro paesi leader nel volo: Zbk Pasac Rijeka (Croazia), Saint Vulbas (Francia), Krim Lubiana (Slovenia) e Buttrio (Italia). Le precedenti edizioni sono state tutte appannaggio dei team transalpini. Anche questa volta francesi grandi favorite. Per i colori italiani, una interessante novità. Le giovani friulane del Buttrio, che, vincitrici a sorpresa qualche settimana fa dello scudetto, sono al debutto assoluto in campo internazionale, ma non per questo partiranno battute contro avversarie più esperte.

L’atto finale della Coppa delle Nazioni, competizione introdotta solo un anno fa dalla Federazione Internazionale, metterà di fronte Boule Ferree Carougeoise (Svizzera) e Maini Budva (Montenegro).

La prima giornata è interamente dedicata al settore femminile. L’arrivo delle formazioni in rosa è già previsto quest’oggi. Undici sono le prove previste per gli incontri di Coppa dei Campioni maschile, otto per la competizione femminile e nove per la Coppa delle Nazioni. Ciascuna prova mette in palio due punti (un punto per squadra in caso di pareggio).

Ecco il dettaglio. Coppa dei Campioni maschile: staffetta (1° turno), 2 tiri di precisione e 2 combinati (2° turno), 2 progressivi (3° turno), 1 individuale, 2 coppie e 1 terna (4° turno).Coppa dei Campioni femminile: 1 coppia, 1 individuale, 1 combinato (1° turno), 1 tiro di precisione (2° turno), 1 progressivo (3° turno), 1 coppia, 1 individuale e 1 combinato (4° turno). Coppa delle Nazioni: 1 staffetta (1° turno), 2 tiri di precisione e 2 combinati (2° turno), 1 progressivo (3° turno), 1 individuale, 1 coppia e 1 terna (4° turno).

Nelle fasi di qualificazione entusiasmante e molto incerta è stata la corsa alla final four della Coppa Campioni maschile. Questi i risultati dei quarti di finale, conclusisi ad una settimana dall’appuntamento di Alassio: Brb Ivrea – Planina Ribnikar (Slovenia) 20 – 2 e 18 – 4, La Perosina – Lokateks Trata (Slovenia) 18 – 4 e 10 – 12 (spareggio 3 – 2), Trio Buzet (Croazia) – Istraporec Parenzo (Croazia) 14 – 8 e 19 – 3, Cro Lione (Francia) – Pontese 9 – 13 e 14 – 8 (spareggio 2 – 1). In precedenza erano state eliminate Saint Vulbas (Francia), Aix Les Bains (Francia), Bk Grude (Bosnia Erzegovina) e Club du Rocher (Principato di Monaco).

Le protagoniste della finale della Coppa delle Nazioni sono state invece promosse al termine di due concentramenti. Gli elvetici, sfruttando al meglio il fattore campo, hanno avuto la meglio su Kayl (Lussemburgo) e Club Botxes Canet de Mar (Spagna), mentre i montenegrini sono riusciti a prevalere, nel girone di Tivat (Bosnia Erzegovina), su Bocarskog Kluba Novi Belgrado (Serbia) e Radisici Ljubuski (Bosnia Erzegovina).

Il palasport Ravizza, scelto dalla Federazione Internazionale per questo grande evento, si trasforma per la terza volta in un grande bocciodromo. In precedenza ha già ospitato la fasi finali della Targa d’oro Città di Alassio nel 2010 e nel 2011, meno di due mesi or sono.

Ad Alassio per i tre giorni della manifestazione sono attesi il presidente della Federazione Internazionale Christian Lacoste, francese, ed i due vice presidenti, il croato Aleksandar Anzur e l’italiano Piergiorgio Bondaz (vice presidente anche della Federazione Italiana Bocce).

Cinque gli arbitri internazionali designati per questo evento: Bruno Rougies (Francia), Denis Persic (Croazia), Sandi Kofol (Slovenia), Eros Del Bianco ed Andrea Pigatto (Italia). I delegati della commissione tecnico sportiva internazionale sono Mario Occelli, Giannenrico Gontero, Dragan Putica (Croazia), Marjan Ferfolja (Slovenia) e Andrè Milano (Francia).

Le foto sono di A. Torrini e R. Bellia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.