IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albisola, Gambaretto replica al sindaco Orsi: “Sta perdendo consenso”

Albisola S. “Leggo con ironia la risposta del Senatore Orsi, che mi attacca più volte sul piano personale, in una nota a mezzo stampa che non gli fa certo onore. Inizialmente, io come tante altre persone, pensavamo addirittura ad una lettera bufala: deve essere proprio arrabbiato se una persona del suo calibro scende così in basso”. Con queste parole inizia la replica di Diego Gambaretto al senatore e sindaco Franco Orsi che lo aveva accusato di ipocrisia politica.

“Sul lato personale non posso che esimermi da ogni commento, ma sul piano politico posso affermare che Orsi ha i nervi a fior di pelle per la sua situazione politica: a Savona un misero 26%, Spotorno ed Alassio roccaforti di centrodestra perse, l’amico Bellasio che tanto si è prodigato a sostenere alle regionali quinto su sei candidati e passa nell’Udc, il fratello Fabio Orsi che non passa in consiglio comunale a Savona, buona parte del suo gruppo che passa nell’Udc (Carlo Cipollina, Alfredo Remigio e Mauro Acquarone), il suo scopritore e politico di riferimento Luigi Grillo che viene condannato a 2 anni ed 8 mesi per aggiotaggio e nessuno del Pdl regionale gli esprime una nota di solidarietà. Segnali che Orsi rimane a quanto ne so una persona perbene, ma sul piano politico sta perdendo consenso” afferma Gambaretto.

“Non affermo, come fa lui cadendo sul piano personale, che è un matto, che è rimasto solo, tutti quelli che hanno lo hanno sostenuto (ed anche votato e fatto votare) ne hanno preso le distanze, che non conosce nessuna regola dello stare insieme, che fa solo piccole battaglie demagogiche. Non scendo così in basso poichè continuerò a dire la mia a livello politico, non conduco certo battaglie a livello personale”.

“Non sapevo che nella riunione di maggioranza mi avrebbero sbattuto fuori, il capogruppo Antonio Saettone mi ha detto solo che si sarebbe parlato di me, e la cosa è verificabile. Non ho mai posto come condizione per smettere di fare il matto un incarico retribuito, anzi…Ho chiesto però a gran voce un incarico, anche non retribuito, per poter fare qualcosa per la mia città, dopo essere stato il più votato della lista ed emarginato. Non un incarico fittizio, ma un ruolo in cui avrei potuto adoperarmi per il bene comune. Il vero motivo per il quale Orsi non mi ha dato incarichi retribuiti e non, è da ricercarsi nel fatto che avrei comunque manifestato il mio dissenso in caso di scelte sbagliate, sia da assessore che no. E da molti politicanti di mestiere l’incarico retribuito è considerato un modo per zittire”.

“Orsi dice che sono rimasto solo, che tutti quelli che mi hanno sostenuto (ed anche votato e fatto votare) hanno preso le distanze da me. Anche questa affermazione è priva di logica, il mio consenso continua ad aumentare giorno dopo giorno, purtroppo anche per i motivi legati al comportamento dei politici nei miei confronti. Tutto è verificabile, solo ieri avrò ricevuto un centinaio di attestati di stima e solidarietà, non certo di persone in cerca di favori personali”.

“Il Senatore ha il coraggio di dire che non conosco nessuna regola dello stare insieme e che mi rifiuto di restituire la chiavi della mia bacheca. Mia perchè ho chiesto io le autorizzazioni al palazzo aspettando sei mesi, io ho fatto fare un progetto al geometra, io ho presentato la lunga pratica in comune, io ho comprato la bacheca. Nessuno tranne me ha speso soldi o tempo per la suddeta bacheca, tutto è verificabile”. Sulla questione delle battaglie demagogiche, insulti ed illazioni deve aver visto un film, cosa diversa per ciò che riguarda la sua lettera che è piena di falsità e cattiveria personale”.

“Il tempo è galantuomo e l’amicizia e la stima di tanti cittadini vale molto di più di sessanta mensilità da Assessore e mi riservo semmai in futuro di portare agli onori di cronaca i dispetti personali che sono stati fatti nei miei confronti, primo tra tutti una querela per diffamazione presa per una lettera non scritta da me, verificabile senza dare spazio ad interpretazioni”.

“Ringrazio inoltre il consigliere Mauro Rizzotto, della lista Orsi Sindaco, per aver avuto il coraggio di dire quello che altri membri di maggioranza pensano ma non hanno il coraggio di dire” conclude Gambaretto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.