IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albicocca di Valleggia: accordo cooperative-esercenti per filiera corta Slow Food

Quiliano. La Cooperativa Le Riunite e la Cooperativa Ortofrutticola di Valleggia che raggruppano i produttori dell’Albicocca di Valleggia e moltissimi dettaglianti e ristoratori del Savonese hanno sottoscritto una convenzione per la produzione e la commercializzazione dell’Albicocca di Valleggia. L’albicocca di Valleggia si fregia da anni del marchio istituito dal comune di Quiliano e dal 2010 è diventata Presidio Slow Food.

E’ stato approvato dai produttori un disciplinare di produzione, che sulle linee guida di Slow Food, garantisce l’immissione sul mercato locale di un prodotto “Buono, Pulito e Giusto”, che arrivi al Consumatore finale attraverso una filiera corta, con tutti i pregi di “Prodotto a Km Zero”.

La convenzione è stata fortemente voluta dalle cooperative di produttori, con il sostegno del comune di Quiliano e da Slow Food, ed è stata accolta con moltissimo favore dai dettaglianti che saranno il canale privilegiato per raggiungere il consumatore finale.

Gli impegni che tutti i partners si sono assunti sono finalizzati a ridurre la filiera commerciale ai soli passaggi: Produzione – Dettaglio – Consumom, a fornire una garanzia del prodotto originale, della data di confezionamento con riferimento al produttore, ad avere solo produzioni senza utilizzo di concimi chimici e con limitatissimo utilizzo agrofarmaci come da disciplinare di produzione: infine un prezzo al consumo equo.

Molti i negozi al dettaglio che hanno aderito o aderiranno alla convenzione e che esporranno un apposito cartello al fine di informare i consumatori sul prodotto “Albicocca di Valleggia” originale e garantito. I dettaglianti si impegnano ad esporre il prodotto nell’imballo originale sul quale sono riprodotti i marchi: “Albicocca di Valleggia” e “Presidio Slow Food”.

La produzione 2011 è già iniziata, con molto anticipo, ciò deriva dall’andamento climatico particolare e da una produzione limitatissima; si prevede infatti una raccolta concentrata e che si esaurirà entro il mese di giugno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.