IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, regolare l’arrivo dei profughi: presidio delle forze dell’ordine

Albenga. Tutto regolare l’arrivo dei profughi ad Albenga. La compagine di 32 tunisini è arrivata da circa 45 minuti presso il residence “Al Saraceno” in località Vadino, dove si stanno sistemando nelle stanze della struttura ricettiva, di proprietà di Andrea Nucera. I migranti alloggeranno per un mese, in attesa che vengano completati i lavori di restyling previsti per le ex scuole in regione Rapalline.

Carabinieri, polizia municipale e protezione civile hanno presidiato l’arrivo dei profughi nordafricani. Rispetto a qualche problema registrato con il precedente “sbarco” sul Lago di Osiglia presso l’ “Imbarcadero”, questa volta tutto si è svolto secondo i tempi e le modalità stabilite dal piano di accoglienza: sono scesi senza problema e si sono diretti all’interno del residence. Ad aspettare l’arrivo dei profughi qualche albenganese venuto a curiosare, e non è mancato qualche mugugno…La situazione è comunque tranquilla.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. marcello2008
    Scritto da marcello2008

    Non vedo nessun ITALIANO farsi valere, probabilmente, anche se in privato, piangono miseria, stannno tutti più che bene……

  2. Total War
    Scritto da Space Limit

    ne vedremo delle belle e anche chi adesso nn dice niente a breve si ricrederá. Pero vedo segni positivi qui e altrove. un risveglio delle coscienze assopite. E allora ci divertremo. La storia si ripete ciclicamente…altre mille volte son venuti e mille volte presto o tardi abbiamo liberato le nostre terre.

  3. Scritto da mariolino

    quando lasceranno quel residence dovranno entrarci dentro con le ruspe poichè chi lo potrà abitare saranno forse le galline. Ho constatato di persona il comportamento di questi “profughi”in una casa disabitata in mezzo alla campagna, un locale era adibito a cucina e gabinetto non si sono degnati di fare tre metri per uscire fuori!! Come dire “cotto ed evacuato!!”

  4. Scritto da Gattone

    Bella gatta da pelare che avranno in futuro le nostre forze dell’ordine! non bastavano già i loro paesani a dare lavoro??? Allargate pure le gabbie….!!!

  5. Scritto da lavocedellaverita

    profughi………….? ma perchè vi ostinate a chiamarli cosi….? sono clandestini….. punto e basta….. e noi li manteniamo, nella vana speranza che questi vadano all’estero……