IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Acqua pubblica e nucleare, i giovani de La Destra in campo per il sì al referendum

Savona. Anche a Savona, così come nelle altre province liguri, i giovani de La Destra sono scesi in campo per dire sì all’acqua pubblica. Lo hanno fatto tramite volantinaggi ed esponendo striscioni.

“Sono state iniziative – spiegano – attuate per continuare il nostro progetto, denominato H2O, creato nel 2006 e per invitare i cittadini ad andare a votare”.

“L’acqua è un bene di tutti – sottolineano i giovani de La Destra – , non è la solita retorica politica, ma una denuncia di chi vuole lucrare ai danni dei cittadini, che lavorano onestamente e non hanno alcun diritto a vedere la metà dello stipendio impegnato per pagare le bollette dell’acqua, sempre più care e sempre più gravose per il bilancio familiare già provato dalla crisi economica”.

“Parliamo di cose concrete – dichiarano -: nel 2009 un quotidiano locale già denunciava un aumento del prezzo dell’acqua del 9,1% a Genova e dell’8,2% a La Spezia, aumenti nettamente superiori alla media nazionale (5,4%)., Se non bastasse analizziamo una bolletta del savonese: l’acquedotto è di proprietà dell’Unicredit, che di pubblico non ha nulla, l’acqua ha persino un costo ragionevole (0.40 euro/metro cubo), ma a gravare sul cittadino ci sono le quote fisse (7 euro in media), le spese di depurazione e i servizi ambientali (5%), insomma se non si aprisse mai il rubinetto la bolletta sarebbe sempre e comunque di circa 10 euro”.

“Solo lo Stato – affermano i giovani de La Destra – può garantire determinati servizi (depurazione e servizi ambientali) a costi ragionevoli perché il suo obiettivo non è ‘spremere’ il cittadino per guadagnarci il più possibile, ma fornire quei servizi essenziali a cui ognuno di noi ha diritto. Agli imprenditori lasciamo la produzione e la commercializzazione dei beni tangibili, allo Stato lasciamo l’acqua!”.

“Sul nucleare – proseguono la nostra posizione è chiara: sì alla abrogazione, perché ancora una volta guardiamo al portafoglio del cittadino, la costruzione di centrali nucleari di ultima generazione ha dei costi eccessivi. Meglio investire i soldi pubblici nelle energie alternative, la nostra regione, è molto ventosa ed è luogo ideale dove far sorgere parchi eolici; per non parlare del più accessibile fotovoltaico, i nostri consiglieri comunali si battono da sempre per l’installazione sui tetti delle case dei pannelli solari per coprire il fabbisogno energetico ottenendo anche un sensibile risparmio in bolletta. L’impegno deve andare a ridurre i costi e la burocrazia per l’installazione di queste preziosi energie alternative”.

“E poi qualcuno si è chiesto quanto ci costerà lo smaltimento delle scorie delle centrali nucleari? Insomma – concludono – va da sé che la risposta all’approvvigionamento energetico nazionale non può essere quella del nucleare, troppo costosa e incapace di dare benefici nel breve periodo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Un punto sul fotovoltaico ….
    un tetto al sole in un anno produce l’energia consumata dai quattro piani sottostanti …..
    se abitati tutto l’anno …..
    .
    se poi si considera che molti appartamenti sono di tipo “estivo” …..
    dove la gente durante il giorno se ne va’ al mare …..
    e la sera ….
    magari va’ a divertirsi …..
    consumando poca energia …..
    ecco che il saldo energia prodotta-energia consumata e’ ancora piu’ positivo.
    .
    Se il discorso e’:
    “cerchiamo di importare meno energia dall’estero”
    (gas, carbone, petrolio …. ed in piccola parte elettricita’ notturna “in saldo” …. per eccesso di produzione nucleare in ambito europeo)
    .
    ecco che il fotovoltaico si presta bene allo scopo ..
    .
    il fatto poi che qualche quattrino venga distribuito a pioggia ai possessori di questi impianti …
    quando questi sono connazionali con un tetto che produce energia ….
    sono quattrini che restano in Italia …..
    ed in Italia vengono spesi nuovamente ….
    creando ricchezza.