IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Profughi ad Albenga, Rambaudi: “Nessuna alternativa all’ex ospedale”. Guarnieri: “Lo occuperemo”

Albenga. “Se il sindaco di Albenga, Guarnieri, ci aiuta a sollecitare la ristrutturazione del centro delle Rapalline sul suo territorio, per cui abbiamo chiesto i finanziamenti al Governo e alla protezione civile nazionale, siamo disponibili a collocare gli immigrati altrove e rivedere la scelta, al momento obbligata, dell’ex ospedale di Albenga”.

Lo ha detto questa mattina l’assessore regionale alle politiche sociali e coordinatrice del piano profughi, Lorena Rambaudi, a margine del consiglio regionale, rispondendo così alla diffida lanciata dal sindaco di Albenga alla Regione contro l’utilizzo dell’ex ospedale di Albenga per ospitare una quarantina di immigrati provenienti dal centro di accoglienza di Ventimiglia chiuso ieri.

“La città di Albenga – spiega l’assessore Rambaudi – ci aveva proposto due siti, uno in località Rapalline che era stato preso in considerazione dalla Giunta, ma che necessitava di una ristrutturazione e sul quale il dipartimento di protezione civile nazionale non ci ha ancora dato una risposta e un magazzino privato ritenuto non idoneo ai criteri di abitabilità dalla Protezione civile e inoltre alcuni posti nei campeggi che non rispondono alle soluzioni definitive di accoglienza di secondo livello necessarie in questa fase”.

“Le soluzioni proposte – continua Rambaudi – sono state ritenute non idonee. Al contrario abbiamo ricevuto una proposta da un privato che ha nella sua disponibilità il bene immobile dell’ex ospedale di Albenga, che non richiede allestimenti o ristrutturazioni e la protezione civile regionale ha ritenuto che fosse la soluzione più confacente, vista la possibilità di ospitare al suo interno circa 40 persone e in presenza di una situazione di emergenza con meno posti a disposizione di quelli necessari”.

Non tarda la controreplica del primo cittadino ingauno: “La Regione Liguria, in piena autonomia di scelta, ha deciso di sistemare gli immigrati profughi nella sede dell’ex ospedale, senza aver interpellato l’amministrazione comunale, in spregio alle disposizioni ricevute dal Ministero dell’Interno che aveva previsto la condivisione di ogni atto con le amministrazioni locali e le Prefetture. Albenga non dimenticherà mai la scelleratezza di un tale atto di forza contro la sicurezza dell’intera cittadinanza, ecco perché inviteremo la cittadinanza intera ad occupare la struttura”.

Prosegue il sindaco Guarnieri: “Al presidente regionale, Claudio Burlando, in silenzio per la vergona tanto da delegare l’assessore Rambaudi alle giustificazioni di un atto politico della Regione contro l’intera cittadinanza ingauna, ricordo che sulla sede dell’ex ospedale di Albenga, in attesa di una attenta valutazione per una adeguata riqualificazione urbanistica, è depositata presso gli uffici comunali una perizia asseverata, attestante le caratteristiche di incongruità della struttura, dove più volte viene dichiarato ‘lo stato di abbandono e degrado dell’edificio'”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Io vorrei capire…ma la Rambaudi con i prossimi 1000, 2000, 5000 che arriveranno (a maggior ragione visto che l’Italia è l’unico Paese UE che accetta immigrati clandestini, li accoglie e li stipendia con 900 euro per tre mesi ovvero tre volte quello che è stato pagato agli scafisti) cosa diavolo farà? Basta con la demagogia buonista. Investiamo seriamente ma in Africa non in prebende ridicole.

  2. Scritto da aquila

    al posto del vecchio ospedale l’unica cosa sensata che si puo fare nel bene di albenga, per il rilancio del turismo e del commercio nel centro è un parcheggio. Bisogna procedere ad un esproprio. D’altra parte la struttura non è a posto sotto un profilo igienico sanitario per ospitare delle persone, non è in regola sotto il profilo impiantistico ed alcune parti sono un po’ pericolanti e spesso al piano terra entra acqua quando piove (almeno un metro). Se mi legge Sig Sindaco le ho dato tutti gli spunti necessari… proceda velocemente.

  3. Scritto da svullo

    Bella faccia la Rambaudi… dopo aver combinato disastri a Savona ora ci prova anche da Genova, perchè non li porta al San Paolo di Savona visto che sono decenni che non si sa cosa fare di questa struttura? E magari anche qualcuno a casa sua visto che le piacciono tanto… Peccato che ha preso alla lettera le parole usate da Vendola a Milano che ha gridato: “Fratelli mussulmani e amici rom venite venite!!! ” VERGOGNA!!!! a CASA TUA TE LI DEVI PORTARE!!! E QUELLI CHE NON CI STANNO A CASA DI BURLANDO!!!

  4. sverige
    Scritto da sverige

    ma non c’è nè abbastanza di extracomunitari ad Albenga?? La rambaudi ne vuole spedirne qui una quarantina ??? A cosa fare?? Perche non li porta a casa sua……..invece di turisti arrivano i clandestini. Mà…….andiamo propio bene, Maroni svegliati!!!!!!!!

  5. Scritto da 3106907

    E il vecchio ospedale sarebbe una struttura migliore dei bungalow?! Deciso dall’alto senza chiedere nemmeno al comune interessato un parere?? bell’esempio di democrazia che ci arriva!!