IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Un’intera notte nel Museo archeologico del Finale per gli alunni pietresi (foto) foto

Finale L. Si tratterà di “Una notte al museo” certamente meno terrorizzante di quella di cinematografica memoria – con un Ben Stiller, novello guardiano di museo, perseguitato da statue di guerrieri e feroci animali che prendevano vita con il calar del sole – ma ugualmente emozionante per gli alunni della 3A della Scuola primaria della Direzione Didattica Papa Giovanni XXIII di Pietra Ligure.

Gli allievi pietresi trascorreranno infatti una giornata e l’intera notte presso il Museo Archeologico del Finale, partecipando a numerose attività e scoprendone “il dietro le quinte”. Nella mattinata di oggi saranno coinvolti in una escursione guidata da Martina Heinrichs all’Arma delle Manie e al Riparo di Pian del Ciliegio, sull’Altopiano delle Mànie, nell’ambito dell’iniziativa Archeotrekking. Dopo un pranzo in grotta e una prima attività didattica dedicata alla tessitura preistorica, i bambini raggiungeranno il Museo Archeologico del Finale, dove lavoreranno la ceramica, giocheranno con semi e frutti antichi e produrranno farina utilizzando antiche macine in pietra.

Dopo una cena in museo, la sera proseguirà con un’animazione con giochi a tema preistorico tra le sale del percorso espositivo e, conclusa la lettura delle fiabe della buonanotte – naturalmente sempre a tema preistorico – tutti andranno a nanna, in compagnia dell’Orso delle Caverne, dei vasi preistorici e dei tanti altri oggetti conservati nel museo, dormendo nelle sale nel proprio sacco a pelo. Al mattino seguente la prima colazione in museo saluterà una nuova giornata e i bambini, insieme alle loro maestre torneranno a scuola dopo aver “vissuto”, nel vero senso della parola, al museo.

l progetto nasce dall’incontro tra la maestra Fenoglio e Manuela Saccone, responsabile dei Laboratori Didattici del Museo Archeologico del Finale, che hanno pensato di proporre ai bambini un’esperienza che li coinvolga emozionalmente per avvicinarli meglio alla Preistoria e all’Archeologia. L’obiettivo è di fare comprendere come il museo non debba essere pensato e vissuto come un luogo polveroso e noioso, ma bensì sia un luogo piacevole dove trascorrere la giornata, dove imparare giocando e anche – perché no – dove trascorrere la notte, perché il museo può essere un luogo piacevole dove trascorrere il proprio tempo, un po’ come la propria casa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Rembado Antonella

    Se sapeste com’e’ difficile a volte…(parlo da dipendente pubblico). Comunque questa notte al museo e’ merito di persone tenaci e motivate sia nel museo che nella scuola. Ogni tanto riconoscere un buon lavoro fatto e dirlo chiaramente fa bene a chi ancora resiste nonostante tutto.

  2. sampei29
    Scritto da sampei29

    Ottima iniziativa, complimenti!
    Bello vedere che non tutti i dipendenti pubblici sono degli scansafatiche come qualcuno vorrebbe far credere!

  3. Scritto da Rembado Antonella

    Mia figlia in questo momento e’ in quel gruppo di esploratori e io un po’ la invidio! Bella iniziativa di BELLE insegnanti. Grazie per l’entusiasmo e l’impegno che mettete nel vostro lavoro ( spesso andate ben oltre il vostro dovere di insegnanti ). Ale sei un vulcano di idee e Mariella sei taaaanto paziente.