IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spotorno, presentata la lista pro Calvi sindaco

Spotorno. Ieri sera, 5 maggio, è stata presentata alla cittadinanza spotornese la lista “Spal Turno – Innovazione e tradizione”. La lista è guidata dal candidato sindaco Gian Paolo Calvi.

I primi minuti della serata sono lasciati alla Croce Bianca di Spotorno, che lancia un appello per il reclutamento di nuovi volontari. Poi il candidato sindaco inizia: “Mi presento a Voi come candidato Sindaco della lista ‘Spal Turno – Innovazione e Tradizione’, consapevole del peso e delle responsabilità a cui andremo incontro se sarà eletta la mia nuova squadra, che si presenta con molti giovani competenti, pronti ad assumersi le responsabilità amministrative future ed in grado di costruire una nuova classe dirigente”.

“La ragione della mia candidatura ha le sue radici nel legame profondo con Spotorno e nell’amore che nutro per questo paese, nel quale ho svolto attività politiche, amministrative e sociali, fin da ragazzo, mettendo a disposizione la mia vita – continua Calvi – Esperienze importanti che mi hanno sempre più legato a questa terra e che mi fanno sentire parte di essa. Io e i miei collaboratori siamo certi che i prossimi 5 anni saranno di duro lavoro e che, mai come in questo periodo, si dovrà pensare al futuro della nostra cittadina. Bisognerà sanare una situazione finanziaria critica. Riprendere e terminare i cantieri fermi da due anni. Ridare vigore ai progetti accantonati. Rinnovare la partecipazione delle associazioni, delle categorie sociali ed economiche, e sospingere una nuova fiducia all’intero paese”.

“Sentiamo il bisogno di un paese solidale che dia spazio abitativo ai propri cittadini, in grado di sviluppare l’economia turistica con iniziative di valore, di creare strutture ed infrastrutture per rendere la nostra offerta più appetibile. Rispetteremo la nostra storia e le nostra cultura per programmare meglio il futuro. Saremo attenti alle esigenze ed aspettative dei nostri ragazzi, sia in merito alla loro istruzione, sia per le loro attività sportive e di svago. Riformeremo in modo più semplice e pratico i servizi per i cittadini. Difenderemo e tuteleremo il nostro territorio. Costruiremo il nuovo Piano Urbanistico Comunale con il Vostro supporto, allargando la partecipazione alla discussione e individueremo nuove opportunità per lo
sviluppo delle infrastrutture sportive e turistiche”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roy Pnoll

    Solita demagogia. Facile tirare fuori delle frasi fatte e delle idee appena abbozzate senza dare spiegazione su come realizzarle, mi caro Calvi.

    “Sentiamo il bisogno di un paese solidale che dia spazio abitativo ai propri cittadini, in grado di sviluppare l’economia turistica con iniziative di valore…”
    Per esempio?

    “…di creare strutture ed infrastrutture per rendere la nostra offerta più appetibile…”
    Ok, come?

    “Rispetteremo la nostra storia e le nostra cultura per programmare meglio il futuro.”
    Bello slogan, ma in soldoni?

    “Saremo attenti alle esigenze ed aspettative dei nostri ragazzi, sia in merito alla loro istruzione, sia per le loro attività sportive e di svago.”
    E dopo che avete prestato attenzione? Ritornerete a farvi gli affari vostri.

    “Riformeremo in modo più semplice e pratico i servizi per i cittadini.”
    Anche qua: in che modo?

    “Difenderemo e tuteleremo il nostro territorio.”
    Difenderlo da voi stessi?

    “Costruiremo il nuovo Piano Urbanistico Comunale con il Vostro supporto, allargando la partecipazione alla discussione e individueremo nuove opportunità per lo
    sviluppo delle infrastrutture sportive e turistiche”
    Sì ma qualcosa di concreto ce l’avete per le mani o “poi vediamo”?