IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, polemica per il concorso della Consulta degli Studenti: interviene il rappresentante del “Della Rovere”

Savona. Il “caso” del concorso “Luce alla Storia” promosso dalla Consulta provinciale degli studenti – e incentrato sulla figura di Giuseppina Ghersi e sulla sua tragica uccisione – continua a tenere banco. Dopo il botta e risposta di ieri che ha coinvolto rappresentanti della Consulta, dei Giovani Democratici e del Rotaract Club Savona adesso sulla querelle interviene anche Andrea Castellini (foto), Rappresentante d’Istituto Liceo Giuliano Della Rovere, di cui pubblichiamo di seguito la lettera.

“Adesso basta!. Negli ultimi due giorni sui giornali interattivi di Savona si è parlato molto di un concorso bandito dalla Consulta Provinciale degli Studenti. Questo concorso tratta di fatti avvenuti nel 1945, con la morte di una ragazzina, Giuseppina Ghersi. Adesso è giusto spiegare che cosa è accaduto tra Consulta e Rappresentanti di Istituto. Per prima cosa c’è stata una scarsa e riduttiva collaborazione tra i due organi, differenti l’uno dall’altro va bene, però in ugual modo avrebbero dovuto collaborare, soprattutto su temi delicati come questo.

A partir dalla Consulta con il suo Presidente, sino ad arrivare agli stessi Rappresentanti d’Istituto hanno sbagliato tutti! I primi erano in disaccordo tra di loro (a chi dice che non è vero chiedo gentilmente un po’ di onestà ) sia prima che dopo la votazione per l’approvazione del progetto, i secondi invece hanno pubblicizzato la cosa più che potevano. Non capisco che gusto ci trovino le giovani fazioni politiche a scornarsi tra di loro, poi su un argomento del genere. C’erano due modi per protestare da parte dei Rappresentanti D’istituto in questo caso. O fare propaganda politica a riguardo come stanno facendo tutti a destra e a manca sia su facebook che sui giornali internet, oppure discuterne tutti (consulta e rappresentanti) davanti a un tavolo e trovare una soluzione comune senza far scoppiare tutte queste polemiche assurde.

Ero stato anche io uno dei primi a dir che era una assurdità questo progetto, o meglio preciso, era un’assurdità accettarlo per come era stato proposto. Non c’era bisogno di fare alcuna petizione, bastava svegliarsi subito appena si è saputo che il progetto stava per essere approvato, tutti i Rappresentanti ne erano al corrente e nessuno ha fatto nulla. Adesso vi chiedo, senza far nomi e chi vuole capire capisca, basta farsi propaganda politica utilizzando una povera ragazza come la Ghersi. E soprattutto basta interpellare i propri partiti o i propri movimenti giovani, due per ora sono usciti allo scoperto di partiti politici, spero solo di non vederne un terzo, queste discussioni devono e hanno l’obbligo di rimaner tra le mura scolastiche e devono essere risolte una volta per tutte! Basta propagande politiche nelle scuole! E’ giusto che la storia venga raccontata sia dai vinti che dai vincitori, ma non è giusto che debba avvenire in questo modo!”.

Andrea Castellini
Rappresentante d’Istituto Liceo Giuliano Della Rovere

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.