IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, parrocchia di San Francesco in lutto per la scomparsa di Giambattista Rosso: il ricordo di Don Angelo

Più informazioni su

Savona. Si svolgerà domani, nella Messa festiva delle ore 11, nella parrocchia di san Francesco da Paola, il funerale di Giambattista Rosso, morto ieri dopo una lunga malattia all’età di 87 anni nella sua abitazione di via Ancona. Lascia la moglie Elena, i figli Marilena e Gianni (commercialista con studio in via Torino) e la sorella Marisa.

Don Angelo Magnano, parroco di san Francesco, lo ricorda come una “Colonna” della parrocchia fin dai tempi della costruzione della nuova chiesa in piazza Bologna. Rosso, collaboratore per molti anni della diocesi e di vari enti religiosi, fu presidente per numerosi anni dell’Ente scuola edile e presidente delle Opere Sociali “N.S. di misericordia”. Dopo il matrimonio, dai primi anni ‘50 sino a metà degli anni ‘60 con il suocero Giovanni Genta ha condotto l’impresa edile “Genta e Rosso”. Successivamente ha svolto l’attività libero professionale di geometra. Ritiratosi in pensione, ha continuato a frequentare quotidianamente, sino allo scorso anno, lo studio del figlio Gianni, svolgendovi un prezioso ruolo attivo. Con la parrocchia di san Francesco da Paola ha collaborato dai tempi del primo parroco, monsignor Tomaso Fonticelli, fino al 2007, con l’attuale parroco don Angelo Magnano, come membro del Consiglio per gli affari economici ed esperto in questioni amministrative.

“Saggio e lungimirante, professionalmente molto competente, Giambattista Rosso aveva una fede solida e matura, che gli ha permesso di affrontare sempre le prove della vita con serenità ed equilibrio. Sapeva ascoltare e consigliare, e aveva una formidabile memoria storica degli avvenimenti della città e della diocesi. Anche negli ultimi anni, pur indebolito dalla malattia, non aveva perduto il suo sorriso e la sua serenità, che sapeva comunicare agli altri con la delicatezza che gli era propria” ricorda Don Angelo Magnano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.