IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, non rispetta l’alt: romeno guidava ubriaco e senza patente, patteggia 3 mesi

Savona. “Quando ho visto gli agenti mi sono spaventato. Non avevo i documenti e la patente e allora non mi sono fermato. Subito non mi sono reso conto di quello che stavo facendo”. Ha spiegato così, questa mattina, in tribunale, nel corso del processo per direttissima, il suo gesto Adrian Constantin Irimescu, il romeno di 33 anni, residente a Cigliano (Vercelli), arrestato stanotte, poco dopo le 2, in corso Colombo a Savona. L’uomo non si è fermato ad un normale posto di controllo della polizia, in corso Vittorio Veneto, e così gli uomini della Volante lo hanno inseguito. Dopo aver percorso qualche centinaia di metri il romeno ha fermato l’auto, una golf scura, e ha tentato di fuggire a piedi.

I poliziotti sono però riusciti a bloccarlo poco dopo e, vista la reazione del 33enne (che ha opposto resistenza agli agenti), sono stati costretti a mettergli le manette ai polsi. Sottoposto all’alcoltest l’uomo è risultato positivo (1,28 g/l alla prima prova e 1,24 alla seconda). Alla fine è stato quindi arrestato con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e processato per direttissima già questa mattina. Il pubblico ministero gli ha inoltre contestato la guida in stato di ebbrezza e quella senza patente (che l’uomo non aveva mai conseguito).

Irimescu, incensurato e senza alcun carico pendente, difeso dall’avvocato Mara Tagliero, alla fine ha patteggiato tre mesi di reclusione con la sospensione condizionale della pena. Il giudice ne ha disposto anche l’immediata liberazione senza nessun obbligo (il pm aveva chiesto per lui la misura dell’obbligo di dimora nel suo comune di residenza). Irimescu potrà quindi restare a Savona dove lavora come operaio e carpentiere in una ditta edile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. red1966
    Scritto da red1966

    ecco un’altro che la prossima volta si sentirà legitimato a comportarsi nello stesso modo… tanto in Italia se si sbaglia non si paga!!!!… concordo con i mesi di lavori socialmente utili… tipo ripulire gli arenili pubblici in vista della stagione estiva e ripulire il sottobosco per la prevenzione incendi!!!!!…

  2. sudor
    Scritto da sudor

    Ecco l’ennesimo caso di MALAGIUSTIZIA!

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Ieri una vettura faceva manovre assurde … ciononostante ha dovuto fermarsi ad un semaforo (si e’ fermata solo perche’ le prime due file erano occupate …. un marciapiede insormontabile a destra ed un marciapiede con aiuola interna a sinistra non permettevano l’avanzata …)
    la targa: RO ……. .
    Probabilmente un parente …..
    Mi chiedo se non sarebbe il caso di fermare e controllare tutte le vetture (o camion) con targa estera …… ne vedremmo delle belle.

  4. sampei29
    Scritto da sampei29

    Questi episodi dovrebbero essere puniti con grande severità perchè possono sfociare in vere e proprie tragedie.
    Qualche mese di lavori socialmente utili, ma seri, non fittizzi, dovrebbero far capire qualcosa a questo bel soggetto! Altrimenti il carcere!