IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, Movimento 5 Stelle: “Legalità e trasparenza: fuori la mafia dallo stato!” foto

Savona. Il Movimento 5 Stelle esprime il proprio punto di vista in merito all’arresti del candidato consigliere comunale del Pd Roberto Drocchi, senza far mancare il colpo di scena.

Ieri alle 17 in punto, un imponente striscione, dieci metri per dieci, ha coperto la facciata del palazzo tra il Comune e la sede del Pd, troneggiando su piazza Sisto IV. Una scritta a caratteri cubitali recitava “Legalità e trasparenza: fuori la mafia dallo stato!”.

“Il Pd e il Pdl parlano solo di telecamere da installare ovunque e stranieri da cacciare dalle piazze – afferma Eric Festa, esponente del Movimento -. Mentre, come noi abbiamo sempre ripetuto, la vera emergenza sicurezza nel savonese è l’infiltrazione della criminalità organizzata, in particolare della ‘ndrangheta, presente dovunque siano in corso grandi lavori, costruzione di infrastrutture, appalti ed in generale movimentazioni terra”.

“L’interessante convegno della settimana scorsa al Priamar affrontava proprio questo argomento e, a parte la sottoscritta e Franco Zunino, non mi pare di aver visto altri politici – sottolinea Milena Debenedetti -. Forse qualcuno era impegnato in giro per la città ad inaugurare fontanelle o scalinate per cercare di recuperare qualche voto dell’ultimo minuto”.

“La massima trasparenza negli appalti è fondamentale ma anche in presenza di procedure corrette un amministratore non può non sapere cosa si nasconde dietro alla faccia apparentemente pulita di una società a cui viene affidato un appalto o ancor peggio un affidamento diretto con la scusa dell’urgenza dell’intervento. Nella questione Drocchi torna infatti alla ribalta il nome della Scavoter e dei Fotia già più volte segnalato con accuse pubbliche dalla Casa della Legalità che si occupa delle infiltrazioni malavitose in Liguria” continua Debenedetti.

“Siamo indignati per il fatto che Di Tullio non si dissoci pubblicamente da Drocchi, un indagato arrestato per gravi reati contro la pubblica amministrazione – interviene ancora Eric Festa -. Il freddo comunicato di facciata con cui il Pd liquida questa triste pagina della politica savonese ci lascia letteralmente sgomenti. Di Tullio afferma di attendere sereno l’esito dell’inchiesta, beh noi sinceramente non siamo così sereno visto che a differenza degli altri indagati, nel caso specifico, per Drocchi un Gip ha convalidato l’arresto. Il Pd doveva e poteva fare di più: Di Tullio ha ragione quando dice che la legge non gli consente di escluderlo dalle liste ma certamente poteva dissociarsi con forza da lui e chiedergli pubblicamente di ritirare la sua candidatura”.

“Queste sono le piaghe che stanno distruggendo il nostro paese – dice Milena Debenedetti, candidata sindaco per il Movimento 5 Stelle -. Corruzione, appalti truccati, interessi di imprenditori e malavitosi che calpestano quelli dei cittadini. Non ci vengano a raccontare che non sapevano con chi avevano a che fare. Si sono addirittura inventati urgenze inesistenti per assegnare i lavori senza bisogno degli appalti. Il Pd mette queste gente nelle proprie liste e poi si stupisce se perde consensi? Vorranno dare la colpa ai ‘grillini’ anche questa volta?”

Debenedetti si toglie qualche sassolino dalla scarpa: “Adesso Berruti si preoccupa del grave danno che l’arresto ha causato alla sua immagine ed a quella del suo partito. Del grave danno che decenni di speculazioni hanno causato ai savonesi invece, chi se ne preoccupa?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.