IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sabazia, la festa è completa: stagione in archivio con la vittoria numero 24 foto

Vado Ligure. Grande festa ieri sera a Vado Ligure per la storica doppietta messa a segno dalle squadre maschili del Sabazia EcoSavona. Il gruppo che ha militato per la seconda stagione in serie B2, dopo aver centrato la promozione matematica ed il primo posto in classifica con tre giornate di anticipo, ha chiuso il campionato davanti al pubblico di casa con una vittoria contro il Tuninetti Torino stabilendo anche il record di punti messi in cassaforte: ben 73, frutto di 24 vittorie (delle quali ben 20 per 3 – 0) e due sole sconfitte.

Contemporaneamente il sestetto che militava in serie D era impegnato sul campo dell’Avis Barletta di La Spezia. I vadesi erano in testa alla classifica (e anch’essi già matematicamente promossi), ma con 3 soli punti di vantaggio proprio sul Barletta, che inseguiva al secondo posto. La sfida si è però chiusa senza discussioni con una vittoria netta del Sabazia, che quindi ha centrato il primo posto con 6 lunghezze di vantaggio. L’anno prossimo, così, il Sabazia EcoSavona potrà schierare una formazione in B1 (prima volta per una squadra vadese) e una in C.

Ieri sera, nel pallone Gigi Siri, la tana dei gialloblu allenati da Enrico Dogliero e Stefano Parodi, il pubblico si è stretto intorno alla squadra dei miracoli. Dopo un primo set in cui sono stati i torinesi di Cassina a prevalere, è venuta fuori la grinta del Sabazia. Il muro invalicabile, le battute forzate (che hanno fruttato una serie incredibile di ace), una regia fantasiosa e precisa che ha ben preparato le folate offensive dei martelli, hanno infiammato i tifosi.

Diolaiuti, implacabile, ha preso per mano il gruppo nel secondo set. Nel terzo sono emerse le veloci di Furfaro (ad esempio quella con cui ha firmato il vantaggio iniziale 10 – 4), gli aces di Colombini (che hanno addirittura portato il Sabazia sul 19 – 8), i muri di Quaglieri e Zappavigna (come quello spettacolare del 22 – 12), per chiudere con l’ace di Quaglieri per il 24 – 13 ed il muro del 25 – 13 di Zappavigna. E dire che, sulla carta, Quaglieri e Zappavigna sarebbero due riserve.

Nel quarto set continua lo show di Ragosa, Parma, Diolaiuti e Colombini (quest’ultimo con due battute vincenti consecutive firma il 4 – 1 di partenza). Torino tenta di reagire, ma una gran difesa di Andreis permette ancora a Diolaiuti di mettere giù il pallone del 13 – 10. Da quel momento il Sabazia prende il largo. Dogliero dà spazio anche a Caldon che entra e sigla l’ace del + 6, Furfaro strappa applausi con il muro a uno del 23 – 16. La Tuninetti chiede un time-out, al rientro Furfaro si avvicina al secondo arbitro e gli chiede che ora è: “22,38”. E allora il centrale decide che è tempo di mettere la parola fine al campionato: “E’ tardi, diamoci un taglio e andiamo tutti a mangiare”. L’ultima azione rappresenta il mix di giovani talenti e giocatori esperti, carta vincente del Sabazia: entro il “piccolo” Libri che difende sicuro, Ragosa libera Diolaiuti che piazza il lungolinea del 25 – 20.

E poi i tifosi possono finalmente andare ad abbracciare i loro campioni. Una squadra di uomini straordinari, dai palleggiatori Gigi Ragosa e Alessio Suglia ai “gioielli” come Marco Parma, Emiliano Diolaiuti, Michele Colombini, Francesco Furfaro, Matteo Castellari e Alberto Andreis, ai talenti come Matteo Caldon, Gianluca Quaglieri, Enrico Zappavigna, Sergio Scolastico e Claudio Libri.

Finisce con il tradizionale giro di campo della squadra a battere il cinque ai ragazzini delle giovanili, tutti con la maglietta con la grande scritta “B1”. E si scatena la festa con i coach Dogliero e Parodi lanciati in aria dalla squadra. “Il finale sognato per tutta la stagione – commenta il presidente Dario Zucchi -. Una squadra straordinaria ci ha regalato un sogno che è diventato realtà. Ma ora tocca di nuovo a noi: con l’aiuto del vice Recchia, del direttore generale Floriano Ferrando e di uno staff sempre attento, dal dirigente Luigi Aru alla massaggiatrice Sabina Conterno, dobbiamo mettere subito le basi per la prossima stagione, l’impegno è notevole, ma vogliamo continuare a sognare”.

I risultati della 26° giornata:
Bre Banca Lannutti Cuneo – Adolescere Voghera 2 – 3 (23/25 25/19 21/25 25/19 11/15)
Zar By Formenti Motta Visconti – Nuncas Soltec Chieri 2 – 3 (20/25 17/25 26/24 25/23 14/16)
Saronno – Eurorenting Bruno Mondovì 3 – 1 (29/31 25/23 25/18 25/15)
Crf Surrauto Fossano – Getfit Parabiago 2 – 3 (25/22 17/25 17/25 25/16 14/16)
Sant’Anna Tomcar – Alba 0 – 3 (20/25 17/25 24/26)
Sabazia EcoSavona – Tuninetti Pneumatici Torino 3 – 1 (20/25 25/19 25/13 25/20)
Arti Volley Collegno – Plastipol Ovada 3 – 1 (27/25 22/25 25/18 25/18)

La classifica finale del girone A della serie B2 vede i vadesi concludere con 15 lunghezze di vantaggio sul Parabiago:
1° Sabazia EcoSavona 73
2° Getfit Parabiago 60
3° Sant’Anna Tomcar 57
4° Alba 50
5° Eurorenting Bruno Mondovì 46
6° Tuninetti Pneumatici Torino 44
7° Saronno 44
8° Nuncas Soltec Chieri 40
9° Bre Banca Lannutti Cuneo 35
10° Crf Surrauto Fossano 32
11° Zar By Formenti Motta Visconti 23
12° Arti Volley Collegno 16
13° Plastipol Ovada 15
14° Adolescere Voghera 11

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.