IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, Pellerano (Liste civiche per Biasotti): “Emergenza sanitaria nelle carceri liguri”

Regione. Con un’interrogazione Lorenzo Pellerano (Liste civiche per Biasotti presidente) ha chiesto in che tempi verrà ripristinato l’organico dei medici, degli psicologi e degli operatori socio-sanitari all’interno degli istituti carcerari liguri. Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 aprile 2008 sono state trasferite al Servizio Sanitario Nazionale le funzioni sanitarie, i rapporti di lavoro, le risorse finanziarie, le attrezzature e i beni strumentali in materia di sanità penitenziaria. Pellerano ha quindi rimarcato lo stato di emergenza in cui versano le carceri liguri per i gravi problemi legati al sovraffollamento, alla carenza di personale amministrativo, penitenziario e socio-sanitario, ma anche per problemi legati alla situazione sanitaria che registra un costante aumento di detenuti malati, tossicodipendenti e con disturbi psichiatrici.

“Chi è recluso – ha detto Pellerano – è in mano allo Stato e quindi deve essere tutelato per quanto riguarda la salute. In particolare si pone il problema della sicurezza dei nuovi detenuti, che devono essere sottoposti a un controllo di salute per evitare atti di autolesionismo o suicidi veri e propri. Esistono strutture dove questo non accade: a Pontedecimo non sono sufficienti le visite ginecologiche, mancano apparecchi per le ecografie, a Marassi, dove c’è un centro diagnostico terapeutico e una struttura per detenuti affetti da hiv, gli agenti non ricevono formazione per trattare queste persone. In alcuni casi mancano i medici di guardia”.

Pellerano ha chiesto quali iniziative sono state prese per garantire il diritto alla salute dei dipendenti, il preciso ammontare della spesa complessiva sostenuta dalle singole Asl per l’acquisto di psicofarmaci somministrati ai detenuti ospiti nelle carceri e ha chiesto di istituire corsi mirati alla formazione socio-sanitaria degli agenti di polizia. L’assessore alla salute e sicurezza Claudio Montaldo ha risposto: “Fino a poco tempo fa non era competenza regionale, il passaggio è avvenuto con poche risorse creando difficoltà. C’è carenza di personale medico e infermieristico, si sta cercando di rispondere alle priorità. Il servizio va potenziato, abbiamo fatto iniziative di formazione per chi opera in carcere. In Liguria la situazione di sovraffollamento delle carceri è di difficile gestione”.

Pellerano ha replicato: “Si tratta di un tema delicato. Occorre un monitoraggio costante e bisogna sviluppare un documento programmatico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.