IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, calendario venatorio: sì alla minilepre ma meno beccacce

Regione. Via libera alla caccia alla minilepre ma riduzione del carniere per la beccaccia. Sono alcune delle novità del calendario venatorio approvato oggi dal Consiglio regionale della Liguria con i voti favorevoli del centrosinistra (Pd, Sel, Gruppo misto, Idv, Udc, Noi con Claudio Burlando), 2 voti contrari della Lista Biasotti e 14 astenuti (Pdl, Lega Nord, Federazione della sinistra e il consigliere Pd Manti).

L’introduzione della minilepre tra le specie cacciabili e il carniere ridotto per la beccaccia da tre a due capi giornalieri a cacciatore con obbligo di raccogliere le cartucce e i bossoli sono le principali novità. Il calendario non prevede l’introduzione della mezz’ora in più dopo il tramonto per cacciare la fauna migratrice, come invece era stato richiesto dalla Lega Nord e dalle associazioni dei cacciatori.

La Corte Costituzionale non si è infatti ancora pronunciata definitivamente in merito alla legge regionale 15/2010, che aveva introdotto la mezz’ora nel precedente calendario venatorio. Il “Calendario venatorio regionale”, valido fino al 2014, fissa anche i criteri per il prelievo venatorio del cinghiale e degli ungulati in forma selettiva, l’esercizio della caccia nella zona delle Alpi e nelle zone di protezione speciale (Zps), i carnieri massimi consentiti al giorno e nell’intera stagione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mamma critica

    complimenti al PD, meno Manti, per le politiche ambientali
    vi distinguete sempre per saggezza e lungimiranza
    e poi cosa sarebbe la mini lepre? un prodotto di eccellenza del territorio?? un membro della biodiversita’ da sterminare? e da lontano, il cacciatore coem la riconosce?
    e poi come fate a sapere se e’ mini, normale o micro prima di sparare? le chiedete di stare ferma un attimo cosi le prendete le misure, come dalla sarta?
    SIETE PATETICI, PENOSI, LUGRUBRI, mi verrgogno di vivere in questa regione dalla cosi’ scarsa tutela ambientale, mi vergogno e presto me ne andro’ in un posto governato da gente meno ipocrita
    cosi resterete soli a mangiarvi la mini lepre in salmi’ senza i miei rancorosi commenti