IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Quiliano, abbattuto albero pericolante: famiglia di gazze “sfrattata” ma salvata dall’Enpa

Più informazioni su

Quiliano. Una famiglia di gazze si è ritrovata con la casa “abbattuta”. E’ successo a Quiliano dove il Comune ha ordinato ad un condominio di tagliare un albero pericolante ma, dopo aver eseguito l’operazione, ci si è accorti che, perfettamente mimetizzato, c’era un nido di gazze. Gli abitanti dell’edificio, sinceramente dispiaciuti, hanno subito avvertito i volontari della Protezione Animali, che hanno recuperato il nido ed i tre piccoli, che ora sono alimentati artificialmente presso la sede dell’Enpa.

“Con l’esperienza acquisita non sarà per loro difficile, anche se molto faticoso (gli uccellini debbono mangiare bocconcini di carne sei volte al giorno), svezzarli e liberarli ad autosufficienza raggiunta” spiegano i volontari dell’associazione che ricordano che l’Enpa è comunque contraria al taglio degli alberi se non per concreto pericolo di crollo. “Invitiamo i Comuni, gli amministratori condominiali e le aziende di servizi agricoli, a controllare preventivamente, prima di intervenire, che la vegetazione non ospiti nidi contenenti piccoli alimentati dai genitori e ancora incapaci al volo. Il danneggiamento dei nidi e l’uccisione degli uccellini è un reato perseguito dalla legge sulla caccia e dal codice penale”.

“Stesso discorso vale per i lavori di manutenzione delle facciate e dei tetti degli edifici, che in questa stagione possono ospitare nidi con piccoli, soprattutto di rondini, rondoni, balestrucci, gabbiani e colombi. In ogni caso occorrerà attendere qualche settimana che le cure parentali dei nidiacei siano terminate ed i soggetti possano volare via. Meglio sarebbe escludere gli interventi nei mesi da aprile a luglio e programmarli negli altri mesi dell’anno o, in caso di urgenza, adottare
soluzioni tecniche (le Guardie Zoofile dell’Enpa sono a disposizione per verificare caso per caso) per salvaguardare le zone dei nidi e l’accesso da parte dei genitori” concludono dalla Protezione Animali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.