IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La biblioteca di Loano si arricchisce di un volume del 1736

Più informazioni su

Loano. L’Assessorato alla Cultura del Comune di Loano è entrato in possesso di un pregiato volume dell’anno 1736. Il libro di alto valore storico e culturale è un reperto rarissimo, che è stato restaurato di recente.

“Ordini e costituzioni civili e criminali e tariffa di S.E. il Principe Gian Andrea Doria Landi per i suoi feudi di Torriglia, Garbagna, Ottone, Carrega, Santo Stefano, Loano, Stellanello, Gremiasco e loro annessi” questo è il titolo dell’opera curata da Pier Andrea Bologna e Gian Andrea D’Oria Landi. Il volume oltre a far conoscere le disposizioni degli Statuti e Ordini del tempo offre preziose informazioni per la conoscenza dei modi di vivere e degli usi e costumi dell’epoca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giasone

    chiudere la biblioteca sarebbe un atto gravissimo semmai spostiamo il dipendente al sevizio strade visto che nonostante i lavori elettorali restano moltissime buche

  2. Scritto da loanews

    @jamesbond….peccato che i vetri siano oscurati.
    @ruthor…………non entro nel merito perchè per quel che vedo in comune, si danno da fare, in biblioteca invece il tizio fa tutto tranne che stare in biblioteca.

  3. Ruthor
    Scritto da Ruthor

    Non credo che sia l’unico dipendente comunale di Loano a non fare niente tutto il giorno.

  4. james bond
    Scritto da james bond

    …in effetti un locale con 50 metri di vetrate con all’interno libri può lasciare dei dubbi… che sia una pescheria? Un autoricambi? mah…

  5. Scritto da loanews

    @jamesbond. e tu che sei un intelligente sostenitore del centrodestra hai capito subito. I soldi sprecati son quelli per un impiegato perennemente assente dal posto di lavoro (ma con il cartellino timbrato sia BEN CHIARO), e per un edificio semivuoto perchè per sapere che quella è una biblioteca bisogna casualmente sfondare la vetrata ed entrarci dentro, visto che nessuno si degna di scrivercelo sopra che è una biblioteca