IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendio boschivo ad Urbe, nella sua stufa c’era la stessa cenere dell’innesco: condannato

Più informazioni su

Urbe. Nel settembre del 2007, ad Urbe, ad un centinaio di metri da casa sua, era scoppiato un incendio boschivo. Dai rilievi effettuati dalla Forestale era emerso che il rogo si era originato da un cumulo di cenere e calcinacci, gli stessi che i militari avevano ritrovato all’interno della sua stufa.

Per questa ragione Massimo Leopizzi, che in quel periodo era agli arresti domiciliari, è stato condannato ad un anno e sei mesi per aver procurato il rogo. Un’accusa dalla quale, peraltro, l’uomo si è sempre difeso negando di essere il responsabile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Mi pare una pena mitissima. Noo dovrebbe mai scendere sotto i 10 anni di gattabuia. Perchè? Perchè altrimenti nei periodi buoni – convnti della sostanziale impunità – ci saranno molti emuli con esiti ambientali e non solo disastrosi.