IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Inaugurazione porto di Loano, Fallica: “Siamo qui per creare turismo e ricchezza” foto

Loano. “Il porto di Loano non è una struttura a sé, sganciata dal territorio, ma si fonde con esso per creare turismo e ricchezza”. Lo dice a chiare lettere, e per sgomberare le polemiche, Nicola Fallica, vicepresidente della Marina di Loano, nel corso dell’inaugurazione ufficiale del nuovo porto turistico della cittadina rivierasca.

Primo taglio del nastro dell’imponente opera che consente di ospitare oltre mille imbarcazioni dagli 8 ai 40 metri di lunghezza, distribuite tra banchine, pontili galleggianti e ormeggi finger, con un fondale di 5 metri per permettere l’accesso anche agli yacht di grandi dimensioni. Presente, oltre al sindaco di casa Angelo Vaccarezza e alle altre autorità, il patron dell’impero societario Salvatore Ligresti con il figlio Paolo.

“Se qualcuno ritiene che questa struttura viaggi da sola e sia scollegata alla città si sbaglia di grosso – precisa Fallica – Il nostro obiettivo primario è collegare il porto alla città attraverso tutte le forme di collaborazione possibile con il territorio. Siamo qui con lo scopo di contribuire allo sviluppo dell’economia locale”.

Il porto turistico, inaugurato alle 11 di questa mattina, conta un investimento complessivo per la città di Loano stimato in 100 milioni di euro. In tutto 360 mila metri quadri di concessioni per la nautica. Sempre oggi sarà aperto ufficialmente il cantiere navale “Amico”, di oltre 8 mila metri quadri, gestito da una delle società fra le prime al mondo in refitting, rimessaggio di panfili yacht di alta qualità e tecnologia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Facciamo due conti in tasca a Ceppo&Friend sull’operazione “porticciolo” con dati assunti dalla determina agli atti (pubblica) per l’anno 2011:
    -Introito Comune sulla concessione aree portuali: € 419.298
    -Introito Comune su aree accessorie (uffici, magazzini e locali commerciali: € 48.666
    Oltre a questo il Comune godrà della nuova passeggiata a mare e del parcheggio publico ( a pagamento).
    MI rendo conto che tali introiti sono quelli che il Comune puo’ esigere sulla base di tariffe che non puo’ decidere da solo.
    La cosa che balza agli occhi è che il canone medio applicato dall’Agenzia delle Entrate peri locali commerciali è di 10.73 €/m2/mese che moltiplicatyo per 12 diventa 128.76 €/m2/anno….che paragonato a quello a cui LA PLEBE è stata assogettata dalla società (400,00 €/m2/anno)….e’ circa 3,1 volte!
    Tralasciando fattori su cui il Comune non poteva certo intervenire, perchè la concessione ando’ dalle mani di Frey a questi qui, mi chiedo perchè non sono stati tutelati i commercianti del porto e non si è dato in concessione SOLO l’area portuale? Se gli stessi avessero a che fare in prima battuta solo con il demanio dovrebbero pagare 128 € invece di 400!
    Il COmune avrebbe potuto tenere per sè tutte le aree accessorie (930 m2) e gestirne na parte come dovrebbe fare un bravi manager forzista e farle fruttare portando denari freschi nelle casse comunali…, molto piu’ sicuri e meno impattivi dei denari di ritorno dall’attività edilizia ( oneri di urbanizzazione e costi di costruzione)!
    L’omni-sapiente Cepollina potrebbe svelarci l’arcano, spiegandoci perchè hanno divuto dare via tutta l’area.
    Osservo che i 419.298 Euro/anno sono davvero una MISERIA, se paragonati al potenziale guadagno di un tale porto a regime…. i cui utili, con altri cervelli, avrebbero potuto essere compartecipati dal Comune senza troppi problemi..!
    Chissà perchè questi “imprenditori” quando sono al governo di qualcosa pubblico… si dimenticano…. come per magia…:-) tutte le loro capacità imprenditoriali..(oppuree…NON LE HANNO MAI POSSEDUTE, QUESTE DECANTATE CAPACITA’) …………..!!!

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …molto preciso l’intervento di alessandro bragheri ma credo che Fallica abbia subito le direttive del patron..Non si spiegherebbe una “politica” commerciale di tale dilettantistica specie…tutta a rovescio! Se fai scappare i diportisti poi riprenderli è dura. Anche perchè, poco lontano (Sanremo e Voltri) hanno trovato tariffe inferiori del 50 % e oltre.
    La società ha avuto un occasione storica: non è cosa da tutti i giorni trovare dei benefattori che ti regalano un gioiellino per tutti questi anni a questi prezzi!!! Chi poteva, non ha tenuto per sè nemmeno un metro quadrato di area, che avrebbe potuto far lucrare al comune denari freschi .. Ma i politici-manager della cosa pubblica, si sa,…sono merce rara e a Loano, non mi pare ce ne siano. Sui biglietti da visita e sui santini elettorali si dichiarano tutti “imprenditori” poi…nei fatti si sa cosa sono capaci di combinare……

  3. alessandro bragheri
    Scritto da alessandro bragheri

    mi dispiace sig. fallica … credo lei abbia fallito… ha fatto prendere letteralmente a calci nel sedere dai suoi collaboratori tanti diportisti, ha utilizzato metodi e prezzi che rasentano l’estorsione, si vantava di una mailing list di circa 2000 contatti, che il porto era per gente altolocata (polli) disposti a spendere ben più di quello che chiedevate …. Tutto questo perchè certo che l’utente non aveva scelta. Morale: è stato costretto, per ottenere una parvenza di successo, a dare in gestione ai vari d’amico e zeffirino il cantiere, lo yachting, le discoteche e la spiaggia con gli allestimenti tutti ad intero carico della marina di loano fornendo addirittura anche le stoviglie.
    Se l’obbiettivo che vi eravate prefissi era questo … avete ottenuto un incredibile successo! Bravi.

  4. alessandro bragheri
    Scritto da alessandro bragheri

    fallica
    il mago delle tariffe un datato yuppie , menager fantasioso che pensava (e fatto credere alla sua dirigenza) che in anno si recuperava l’intero investimento.
    Vi riassumo i suoi conti e previsioni:
    Investimento marina di Loano SPESA 120.000.000
    commercializzazione (vendita) 400 posti barca a circa (media) 250.000 = 100.000.000
    commercializzazione (affitti) 400 posti barca a circa (media) 15.000 = 6.000.000 /anno
    commercializzazione box (vendita 30 anni) 300 x 45.000 = 13.500.000
    commercializzazione (affitti) negozi e strutture circa 40.000 mq. x 200 (media) = 8.000.000/anno
    gestione transiti, servizi ecc. a corpo 2.500.000/anno

    sommano 130.000.000 IN UN SOLO ANNO !!!!!

    solo un illuso può pensare di recuperare l’intero investimento in un solo anno .

    Qualcuno tempo addietro mi disse ” come si fa a dire a qualcuno che investe i propri soldi che sta sbagliando e come si fa ad obbligarlo a ridurre le sue pretese … se avrà ragione è il mercato che lo dirà” non aveva torto.

  5. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Davvero? Mi era parso che voleste tenerlo vuoto!
    Meno male!!! Se poi, nel creare turismo e ricchezza vi ricordaste di crearne un po’ anche per Loano… naturalmente dopo…averne creato per voi ..tutta la cittadina di loano, i piccoli diportisti, la plebe..non potranno che esservi grati. ..
    Oltre naturalmente a togliere dal goffo imbarazzo il PdL locale…!