IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Hockey prato, serie B: un solo punto per il Savona, ora il girone di qualificazione

Savona. Finisce con un pareggio e una sconfitta il campionato di serie B degli striscioni savonesi che ripartiranno da un secondo posto nella seconda fase del torneo, in scena da domenica 15 maggio.

Ma andiamo con ordine. Sabato 7 all’Arnaldi, in coda ad un Superba – Amsicora che sancisce di fatto il ritorno alla massima serie dei verdi cagliaritani, il Savona ottiene un pareggio contro i genovesi dell’HC Genova. Pareggio che sta stretto ma che va accettato per la poca capacità nel gestire una partita messasi subito bene con il goal di Pavani al 7° del primo tempo e condotta con un buon possesso palla fino ai ventidue offensivi, laddove le cose diventavano più serie per la difficoltà a penetrare nelle strette maglie della difesa gialloblu. Sul punteggio di 1 a 0 si va al riposo tra le lamentele dei savonesi per un penalty non concesso dall’arbitro ed una buona occasione per il più vecchio dei Montagnese che non concretizza sugli sviluppi del terzo corner corto guadagnato.

Ancora un’occasione per Roberto e sul terzo corto concesso agli avversari, frutto di una ingenuità di un difensore savonese, il solito Sania pareggia le sorti dell’incontro. L’HC ci crede, cerca di accelerare i tempi per vincere la gara e mettere in discussione i punti del passaggio alla seconda fase. E’ ancora il Savona però a sprecare una ghiotta opportunità con Vaglini che tira alto da favorevole posizione per un risultato che consente ai savonesi di conservare i tre punti preziosi. Finisce 1 – 1.

La partita, diretta da Borda e Zero, ha visto il Savona giocare con Ghione Luca, Pescetto, Montorio, Freccero, Cozzolino, Valsecchi, Montagnese Roberto, Montagnese Matteo, Nuñez, Pavani, Cecinati, Vaglini, Fardellini, Bormida, Manzino, Prato (non entrato).

A distanza di poche ore i biancoverdi sono di nuovo in campo, a Pisa per la chiusura del torneo. Forse sarebbe meglio articolare le fasi del campionato in maniera più oculata per evitare di giocare con lunghe pause e affrettati doppi turni, magari iniziando prima in autunno. Problematica che va sollevata senza dubbio e con maggior evidenza per i settori giovanili.

Serve una vittoria e sonante, anche per cercare di guardare il bonus di tre punti ulteriori tenuto conto dell’handicap della partita di andata persa sciaguratamente per 3 – 1. Il Savona si presenta sul campo Cus con le assenze forzate di Pavani, Nuñez, Cecinati e Testa e deve attingere al settore giovanile per completare i sedici della lista. Saranno proprio due under 16 a firmate le uniche due segnature degli ospiti, ma tutti i giovani hanno fatto bene, fatto positivo per le imminenti finali di Bra.

La gara inizia con una buona occasione di Roberto Montagnese che, da solo, non trova il tempo per concludere a rete. Poco dopo giunge il conseguente vantaggio dei padroni di casa con una bella voleè in area di tiro dopo un primo passaggio alto, tra lo sconcerto nella fila biancoverdi. Tant’è si continua con un giallo a Montorio, uno tra quelli meno disposti ad accettare il dato di fatto, ed una paratona di Luca Ghione sul primo corto dei padroni di casa, fino al raddoppio su corto concesso per un fallo evitabile ma frutto del clima venutosi a creare in campo e al senso di poca serenità nello stato delle cose. Ci pensa Bajrami, entrato da pochi secondi, a rimettere il punteggio in discussione con un secco fendente al volo al termine di una buona azione corale.

Il Savona non gioca male, reggendo gli assalti dei padroni di casa e gestendo al meglio un incontro difficile per l’approccio psicologico a fattori para hockeistici. Nella ripresa il Pisa allunga sfruttando la generosità dei savonesi protesi alla ricerca del pareggio ma ancora un under, Manzino, riporta sotto i suoi con una rete bizzarra ma concessa comunque. I biancoverdi ci credono e si riversano in avanti alla ricerca di un pareggio che saprebbe di impresa. Vittorini avvicenda tra i pali della porta Ghione e fa in tempo a raccogliere nella gabbia due contropiedi finalizzati con lucida spietatezza degli avanti gialloblu. Il tempo di registrare un leggero infortunio a Bajrami, senza conseguenza per fortuna, e due cartellini gialli ai padroni di casa.

La partita termina con il risultato di 5 – 2. Per la squadra di Luciano Pinna note positive per l’impegno di tutti e per aver lottato fino alla fine, oltre ad una buona gestione dell’incontro sotto il profilo psicologico. Tornare a Savona senza cartellini rossi da scontare nel prosieguo è nota molto positiva.

In questo secondo incontro il Savona ha schierato Ghione Luca (Vittorini), Pescetto, Montorio, Ghiglia, Cozzolino, Freccero, Valsecchi, Montagnese Roberto, Montagnese Matteo, Vaglini, Bormida, Manzino, Bajrami, Fardellini.

La classifica finale del sottogirone A:
1° Cus Pisa 19
2° HC Savona 14
3° HC Genova 12
4° HC Liguria 8
5° HC Torino 3
H. Cernusco fuori classifica

Le prime tre classificate accedono al girone di qualificazione, mentre le altre disputeranno il girone di classificazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.