IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, gestore di sala giochi accusato di circonvenzione d’incapace: chiesto rinvio a giudizio

Savona. E’ accusato di aver approfittato delle condizioni di salute di un suo cliente, un’ex imprenditore savonese, per farsi vendere una villetta nell’entroterra a un prezzo stracciato (70 mila euro) per poi riprendersi la maggior parte dei soldi che l’uomo, giocatore compulsivo di videopoker, continuava a spendere nella sua sala giochi. Per questa ragione il pubblico ministero, al termine delle indagini, ha chiesto per Giuseppe Saia, 48 anni, gestore della sala giochi di via Torino a Savona, il rinvio a giudizio.

L’uomo dovà rispondere del reato di circonvenzione d’incapace: l’accusa gli contesta infatti di aver abusato dello stato di deficienza psichica dell’ex imprenditore (che era ammalato di Parkinson e di conseguenza era diventato un giocatore d’azzardo “patologico”) facendogli contrarre diversi debiti di gioco fino ad arrivare a farsi cedere la nuda proprietà dell’immobile nell’entroterra. Saia avrebbe ricevuto dalla vittima, per cancellare i debiti di gioco, dodici assegni per un importo totale superiore ai 25mila euro.

Quando la famiglia dell’ex imprenditore, assistita dall’avvocato Roberto Levrero, ha scoperto che l’uomo aveva non solo dilapidato una piccola fortuna in sterili giocate al videopoker, ma che oltretutto era stato protagonista di una compravendita immobiliare quantomeno sospetta, ha cercato di correre ai ripari con la denuncia penale. Il gestore della sala giochi, fin dall’inizio, si è difeso da questa accusa spiegando che, al contrario, i familiari sapevano di quella situazione. Sarebbe stato lo stesso Saia a consigliare ai perenti dell’uomo di seguirlo con maggiore attenzione. Sull’episodio della villetta il titolare della sala giochi ha precisato: “Il cliente ha deciso di mettere in vendita l’immobile, e lo aveva proposto anche ad altri. Ho accettato. gli ho dato una caparra di 40 mila euro con un assegno, lui ha scelto un notaio di sua fiducia, davanti al quale ho saldato con gli altri 30 mila in contanti. Di quella casa, oggi sequestrata, non ho mai goduto: è affittata e il padre del mio cliente ne ha l’usufrutto. Non è stato un grande affare, se credono mi ridanno i soldi e io la restituisco subito”.

La decisione sul rinvio a giudizio del 48enne verrà presa, in autunno (la data dell’udienza preliminare infatti deve essere ancora fissata con precisione), dal giudice del tribunale di Savona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.