IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Garlenda, nasce Alp Med: l’Euroregione transfrontaliera diventa sistema (foto) foto

Più informazioni su

Garlenda. “Un sogno che diventa realtà”. Così il presidente della Camera di Commercio di Savona, Luciano Pasquale, ha salutato la nascita ufficiale dell’associazione “Alp Med” che riunisce in un unico soggetto gli enti camerali del Nord Ovest italiano e dell’area francese di Marsiglia e della Costa Azzurra con l’obiettivo di incidere a livello europeo sul fronte di tutti i bandi di finanziamento per lo sviluppo economico e la promozione del territorio. Stamane la costituzione ufficiale a Garlenda.

“E’ la più grande regione d’Europa che si unisce, con un proprio statuto, per obiettivi comuni e per presentarsi compatta. Questa associazione consentirà di creare una rete di relazioni e di informazioni che verranno messe al servizio del tessuto imprenditoriale e che avrà importanti ricadute per la stessa economia ligure e savonese” ha evidenziato Pasquale.

L’associazione senza scopo di lucro di diritto belga Alp Med nasce per iniziativa delle Unioni regionali delle Camere di Commercio di Liguria, Piemonte, Provenza Alpi Costa Azzurra, Rhone-Alpes, Valle d’Aosta, Corsica e Sardegna. L’associazione permetterà al raggruppamento camerale di costituire la prima figura giuridica del territorio transfrontaliero dell’Euroregione; partecipare come un’unica entità ai bandi di gara lanciati dalla Commissione europea che prevede risorse specifiche per le strutture transfrontaliere; elaborare un piano di attività comune dotato di un bilancio proprio, che deriva dalla contribuzione di ogni Unione regionale secondo la relativa incidenza sul Pil dell’Euroregione:  stiamo parlando di un territorio con 20 milioni di abitanti, 2 milioni di imprese e 490 miliardi di euro di Pil. “Possiamo contare su un prodotto interno lordo – sottolinea il presidente nazionale di Unioncamere, Ferruccio Dardanello – superiore a quello di Olanda, Turchia e Grecia”.

Paolo Odone, presidente di Unioncamere Liguria, si è detto particolarmente soddisfatto della nuova realtà associativa ed ha rimarcato l’importanza dei corridoi europei nell’ottica infrastrutturale, così come del turismo e dell’interscambio tra macroregioni. Fondamentale anche il reperimento delle risorse, che potrebbero arrivare per migliorare la qualità dell’offerta turistica incentrata sulla proposta “Alpi, montagna e mare”.

“La nuova associazione permetterà alle Camere di Commercio di Liguria, Piemonte, PACA, Rhone-Alpes, Valle d’Aosta, Corsica e Sardegna di partecipare come un’unica entità ai bandi europei – ha spiegato Odone – Un vantaggio stimato per circa 1,5 mln di imprese di tutta la macroregione. Con effetti che speriamo importanti sulle grandi opere, come il Terzo Valico, i corridoi europei, le infrastrutture viarie e autostradali che potranno dare opportunità alle attività commerciali”. L’associazione ha già predisposto un apposito ufficio a Bruxelles per rendere operativi i suoi programmi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.