IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale aderisce alla Giornata della Bicicletta ma “salassa” i ciclisti: la denuncia della minoranza

Finale L. Una città che aderisce alla Giornata nazionale della Bicicletta ma che non ha piste ciclabili, rastrelliere per parcheggiare le due ruote che, oltretutto, vengono multate se posteggiate “selvaggiamente”: la denuncia arriva dalla lista “Noi per Finale” che sottolinea quelle che definisce le contraddizioni della giunta Richeri.

“I dati sulla mobilità regionale rivelano che in Liguria il 71% degli spostamenti ha origine e destinazione nello stesso Comune – premettono Simona Simonetti della lista “Noi per Finale” – Un Comune lungimirante dovrebbe riconoscere che i cittadini vogliono una soluzione al problema della mobilità per arrivare facilmente e comodamente in un posto: ricorrono alla automobile perchè non hanno alternative ed in questo modo generano traffico e necessità di posti auto. Se questi spostamenti avvenissero utilizzando un mezzo leggero come la bicicletta o un mezzo pubblico collettivo avremmo risolto contemporaneamente i problemi di traffico e di posti auto. Una politica che guarda ad un futuro sostenibile dovrebbe premiare i cittadini che usano la bicicletta, costruendo piste ciclabili e aree di sosta per questi mezzi ‘verdi’”.

“Al contrario – incalza Simonetti – il Comune di Finale ha deciso di dichiarare guerra a questo mezzo di locomozione ecologico e silenzioso rimuovendo le biciclette posteggiate selvaggiamente. Occorre dire chiaramente che potrà rimuovere tutte le due ruote in sosta dal momento che a Finale le rastrelliere per bici sono praticamente inesistenti come le piste ciclabili. La scelta è ancora più sorprendente dal momento che domani, domenica 8 maggio, Finale aderisce alla giornata nazionale della bicicletta, dal titolo ‘La bici mobilita l’uomo’. Invitiamo questa amministrazione comunale ad essere coerente con se stessa dando sostanza all’adesione alla giornata nazionale della bicicletta con un impegno concreto, perchè Finale sia una città a misura di ciclista. Occorre realizzare nuove aree di sosta dedicate alle biciclette, e piste ciclabili che garantiscano la sicurezza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da piopio

    Il vostro odio e il vostro pregiudizio non vi hanno fatto neppure vedere e capire che a Finale rimuoivono solo dopo preavviso le biciclette abbandonate ferri vecchi che inquinano e fanno brutta mostra non vengono multate le biciclette fatte spopstare quelle legate ai pali della luce sulle aiuole.
    Che cattiva questa questa o che ignorante questa sinistra?

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Ad Albenga le bici vengono multate (prossimamente anche i pedoni?)
    A Finale avevano addirittura fatto un ordinanza per le bici legate ai paletti ma non installano rastrelliere.
    Ma quelli di destra odiano le biciclette?