IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Festa dell’Inquietudine: ospiti Alessandro Bergonzoni, Paolo Mieli e Ilaria Capua

Finale L. Alessandro Bergonzoni, Paolo Mieli e Ilaria Capua sono alcuni degli ospiti che parteciperanno domani, venerdì 27 maggio, alla quarta edizione della Festa dell’Inquietudine di Finale Ligure, che ha come tema il rapporto fra l’inquietudine e il futuro.

Bergonzoni terrà alle 17, nel primo chiostro del Complesso monumentale di Santa Caterina, una Lectio Magistralis dal titolo “Presbite Miope e Tiope (Gli “ancorosi”)”, mentre Paolo Mieli e Ilaria Capua saranno i protagonisti del dibattito “Un nuovo modo di pensare il mondo”, in programma alle 17,50 all’Auditorium.

Nel suo intervento Bergonzoni proporrà al pubblico un “Discorso sul non visto, non udito e non detto attraverso il cannocchiale umano e sovrumano”. Il tema, seguendo il fil rouge della quarta edizione della Festa, sarà quello del futuro, trattato, però, alla maniera dell’attore, che da sempre rifiuta il reale come riferimento artistico e usa l’esplorazione linguistica e l’assurdo come “mondo comico” da investigare a tutto campo. “Il futuro fuso in certe situazioni e in situazioni incerte. Il basta! Il non basta più e i grandi Ancora” è, infatti, la lettura “bergonzoniana” dell’incontro.

Paolo Mieli, storico e giornalista, già direttore de La Stampa e del Corriere della Sera e attuale presidente di RCS Libri, e Ilaria Capua, virologa, direttore del Centro di referenza nazionale Fao-Oie per l’influenza aviaria e la malattia di Newcastle, inclusa fra le cinque Revolutionary Minds del 2008 dalla rivista americana Seed, parleranno, invece, di tsunami ambientali, politici e sociali, di nuove malattie e del rischio di pandemie, di migrazioni sud-nord e di innovazioni tecnologiche e scoperte scientifiche sconvolgenti, di crisi energetiche e di crisi dell’ideologia della crescita. Ad intervistarli sarà Valeria Palumbo, caporedattore centrale de L’Europeo.

Ad aprire la giornata del 27 maggio saranno, alle 8,30, gli studenti delle scuole Issel, Istituto Alberghiero Migliorini e Istituto professionale per l’industria e l’artigianato Leonardo da Vinci). I ragazzi presenteranno i progetti innovativi che hanno elaborato nel corso dell’anno scolastico per “Inquieta-mente”, sezione della Festa pensata appositamente per le imprese, le scuole e i giovani.

In programma letture, dialoghi e riflessioni musicali sul tema del futuro, idee che possono fare la differenza per le persone e per i paesi nel secondo decennio del 21esimo secolo, i risultati di una ricerca sul tema “Panorama Alimentare 2020” e la mostra fotografica “Regaliamo una piazza al futuro”, che ha come soggetto piazza Vittorio Emanuele II a Finalmarina. A coordinare gli interventi degli studenti saranno Claudio Casati, Claudio Romeni, Daniele Pampararo, Domingo Paola, Carlo Avignolo e Dario Caruso. Alle 11 il primo chiostro ospiterà l’incontro “Il nostro futuro: un progetto e non un destino, inquietudine nel tempo di Facebook”, con la docente di Sociologia dei consumi e Neuromarketing all’Università di Parma Maura Franchi.

Alle 15, all’Oratorio de’ Disciplinanti si terrà una visita guidata alla mostra fotografica “Tarots” di Alessio Delfino, giovane artista ligure chiamato da Vittorio Sgarbi a partecipare alla sezione regionale della 54esima Biennale di Venezia. La serie è un work in progress che finora ha dato alla luce dieci Arcani, che sono presentati all’Oratorio nella loro dimensione originaria di 200 per 150 centimetri, voluta dall’artista per esprimere la forza soggiogante che le carte operano sul destino degli uomini. La mostra è curata da Nicola Davide Angerame.

La visita sarà seguita alle 15,30, alla Sala delle Capriate, dall’incontro “Il cerchio del tempo. Riflessioni su tarocchi e archetipi” con Massimo Angelini, dottore di ricerca in storia urbana e rurale, e Valerio Meattini, ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Bari.

Alle 16,30 la Sala della Piramide, ribattezzata in occasione della Festa “Sala dell’Antico Futuro”, vedrà una psicologa, una filosofa, un medico e una scrittrice illustrare con lievità, passione ed ironia, la pratica di antichi strumenti di divinazione: i King, i Tarocchi, l’ Oroscopo Maya e un metodo intuitivo di scrittura, la Parola dell’Anima. L’iniziativa è a cura dell’Associazione S.P.I.A., Sentieri di psicologia integrata ed applicata.

Alle 19,30 è in cartellone il primo Aperitivo Psicologico della Festa. A proporlo saranno, nei Giardini Gallesio, le psicologhe e psicoterapeute Nelly Mazzoni e Silvia Taliente. Passeggiando tra le Lezioni Americane di Italo Calvino e la grammatica della lingua inglese, condurranno il pubblico alla scoperta di quanto non sia il mero scorrere del tempo a farci accedere al futuro, ma la trasformazione che si dovrà compiere in quel tempo.
Alle 19,30, alla Sala delle Capriate, si terrà il primo dei due forum su temi economici: “Investire in un contesto complesso”, con Livio Raimondi, presidente di Ras Alternative Investments SGR S.p.A. e Consigliere di Darta Investment Fund Plc, a cura di Allianz Bank. Alle 21,15 si tornerà a parlare di economia all’Auditorium con “Che fine faranno i nostri risparmi?”, incontro-dibattito con Ruggero Bertelli, docente di Diritto della Banca e del mercato Finanziario presso l’Università di Siena, Giacomo Campora, amministratore delegato di Allianz Bank, Luciano Pasquale, presidente della Carisa, Sergio Sorgi, esperto di welfare, e Paola Pica, giornalista economica.

La giornata del 27 maggio si concluderà alle 22,30 a Palazzo Ricci con la proiezione delle opere partecipanti al concorso fotografico “Frammenti di futuro” a cura dell’Associazione culturale Frammenti.

La Festa dell’Inquietudine è organizzata dal Circolo degli Inquieti di Savona in collaborazione con il Comune di Finale Ligure, la Provincia di Savona, la Regione Liguria e la Fondazione De Mari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.