IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Fascismo e Resistenza: la Consulta degli Studenti contro Di Tullio

Più informazioni su

“Leggo con perplessità le dichiarazioni di Di Tullio che mi dipinge, insieme ad altri, come un fascista. Come altri, da osservatore della storia ho voluto esprimere le mie riflessioni sullo svolgimento della Resistenza che considero un dato che ci rappresenta tutti, senza accettare soltanto l´egemonia della sinistra”.

“Infatti nella Resistenza c´è stato anche il contributo di persone che con il comunismo non avevano nulla a che fare ma che guardavano ad un´Italia libera dalla dittatura. Purtroppo in alcuni anni bui, dopo il conflitto, nella scuola lo studio della II guerra mondiale non veniva trattato, con una conseguente speculazione culturale. La verità vera è che il periodo della Resistenza, oltre ad essere la ragione per cui ora possiamo esprimerci liberamente -e Di Tullio può chiamarmi “fascista”- ha visto crimini sia nazisti che comunisti. In questo quadro la dichiarazione Di Tullio è ancorata ad una visione vecchia che spiega come mai il centro-sinistra non riesca a decollare da quella zavorra che lo ancora ad una visione finalizzata all´aggressione ed alla confusione. Capisco che Di Tullio sia preoccupato per le elezioni amministrative di Savona, in base anche al sondaggio che li vedrebbe perdenti, anche se ha la fortuna di avere un PDL allo sbando”.

“Caro Di Tullio, impara ad essere obbiettivo perché queste tue affermazioni dimostrano che dall´obbiettività sei piuttosto lontano. Non sono certamente io che sono un fascista, ma sono le tue dichiarazioni che hanno un contenuto comunista di vecchio stampo, anzi: sono dichiarazioni che dimostrano che non hai capito nulla della storia. In ogni caso, dato che reputo inaccettabile e gravissimo il modo in cui ti sei rivolto prima alla Consulta degli Studenti e poi a me, uno studio legale sta assolvendo le pratiche per una querela per diffamazione a mezzo stampa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. gazzaladra
    Scritto da gazzaladra

    Condivido tutto quello che hai detto @aratro: Laurelli non ha la fama ne la stoffa del politico. Si sposta dove tira il vento: un pò è nel Pdl e dice di essere il coordinatore dei giovani valbormidesi (bugia) e tutto ad un tratto, credendo ci sia una speranza di poter sfondare con il nuovo partito Fli, si butta subito con Fini, spacciandosi per il nuovo coordinatore giovani anche di questo partito (seconda bugia).
    Bisogna spiegare a questo mio coetaneo che le tessere non fanno il “peso politico”. Tutti possono prendere una tessera, in pochi però riescono a farci qualcosa.
    Con le sue bugie ha perso credibilità…o forse non l’ha mai avuta?

  2. aratro e spada
    Scritto da aratro e spada

    Se questo che parla è tale (marchese) Michele Laurelli, siamo messi bene. Un confusionario di prima categoria: è valbormidese ma fa il savonese chic. Non se la beve nessuno.
    Toglietemi una curiosità: alla fine dunque non l’hanno ancora sbattuto via da presidente della Consulta degli Studenti? Perchè, da quello che dicono i suoi coetanei savonesi, lo vogliono fare fuori anche da lì.
    Senza dimenticare le finte cariche che si inventava nel Pdl e che ora si inventa in Fli. La sua incapacità in campo politico è nota a tutti valbormidesi e savonesi.
    Politicamente finito già prima di iniziare.