IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni Spotorno, “Adesso basta!”: Bonasera spiega la serie di manifesti

Spotorno. Ultimo manifesto per la lista “Adesso Forza Spotorno” sostenuta da Lega Nord e Pdl, in corsa per l’elezione del sindaco di Spotorno. Il candidato sindaco Bonasera si toglie negli ultimi giorni alcuni sassolini con una serie di slogan mirati a vari aspetti della politica cittadina.

“Con il manifesto ‘Adesso basta! Ripartiamo insieme’ – dichiara Bonasera – intendo denunciare la grave situazione degli impianti sportivi con l’ultima assurdità della giunta precedente: concedere in gestione a privato il palazzetto dello sport che sarà utilizzato esclusivamente per attività sportive sulla sabbia, impedendo l’uso della strutture alla maggioranza delle associazioni sportive presenti a Spotorno. Riportiamo e teniamo a casa i nostri ragazzi”.

“Adesso basta! Bisogna fare” recita il secondo manifesto che Bonasera spiega così: “Gli spotornesi sono stufi di vedere cantieri iniziati e mai terminati strutture annunciate e non realizzate. Gli spotornesi sono stufi di sentire che la colpa è sempre di quelli che hanno governato prima o dopo: la colpa è di entrambi”.

“Adesso basta! Bisogna dire no alle favore – sottolinea il candidato sindaco in un terzo manifesto -. La lista numero 1 pensa che gli spotornesi siano persone ingenue e che credono alle favole. Questa lista si presenta con lo slogan ‘affiatati’. Peccato che sono le stesse persone che hanno portato il paese alle elezioni comunali, che si sono detti di tutto sui giornali che hanno parlato di burattini e burattinai e che ora vogliono far credere di essere un gruppo solo perchè è cambiato il maestro di musica. E’ molto scorretto far ricadere la colpa su unica persona mentre la colpa è di tutti coloro che incidono negativamente sul bilancio della cumunità, con le spese non previste per elezioni anticipate”.

Relativamente allo slogan “Adesso basta! Bisogna non credere ai sogni”, Bonasera afferma: “Il candidato sindaco Calvi parla di ‘spazio abitativo per i propri cittadini, sviluppare l’economia turistica, creare infrastrutture per rendere la nostra offerta più appetibile…’. Tante belle cose che il candidato sindaco della lista numero 3 avrebbe potuto fare quando è stato sindaco e vice sindaco e non le ha fatte, contribuendo a lasciare Spotorno nell’attuale grigiore”.

“‘Adesso basta! Ci vuole competenza’. Per Tirreno Power Spotorno deve essere competente in materia al pari dei Comuni di Quliano e Vado Ligure – dichiara Bonasera -. Sì ad un tavolo tecnico, sì alle centraline di monitoraggio sul nostro territorio. No all’uso della salute dei cittadini a fini elettorali”. “Adesso basta! Bisogna governare” conclude la serie di manifesti: “Cambiamento, ordine, sicurezza, competenza e determinazione saranno le caratteristiche della prossima giunta Bonasera – spiega il candidato sindaco della lista numero 2 -. Per le ragioni di cui sopra esorto l’elettorato ad evitare l’assenteismo, a votare il rinnovamento ad esprimere un voto utile all’unica lista che per consensi sarà in grado di contrastare il ritorno del goveno di sinistra alla guida di Spotorno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cotroneo

    Adesso basta anche a questi noiosi e ripetitivi comunicati stampa di una lista che oltre a copiare programma elettorale da altri paesi lombardi (guerra all’immigrazione, pazzesco….) non ha ancora saputo fare una proposta concreta e fattibile. E sulla Tirreno Power finge di non voler strumentalizzare, ma lo fa solo per non andar contro alle direttive del PDL nazionale. Fatela finita!