IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni Savona, Sel: “Possiamo cambiare la politica del centro sinistra”

Savona. “Mi sono chiesto più volte in questi ultimi giorni se la vicenda dell’arresto del funzionario del comune di Vado, candidato del Pd alle prossime elezioni per il comune di Savona, possa mettere in dubbio la scelta dell’alleanza con il centro sinistra che Sinistra Ecologia Libertà ha compiuto alcuni mesi fa”. Così Sergio Acquilino, esponente di Sel, chiude la campagna elettorale.

“Noi siamo nati con l’obiettivo di cambiare la politica, di riportarla al ruolo di servizio ai cittadini, disincrostandola non solo dalla corruzione e dai comportamenti illeciti, ma anche dagli interessi personali e da quelli di partito. Chi fa politica lo deve fare per passione, con una forte tensione ideale, nell’interesse esclusivo dei cittadini che amministra e della collettività intera e questo vale per Sel come per tanta parte del partito democratico, che è fatto di persone oneste e sincere e che non merita quindi di esser giudicato sulla base dei comportamenti illeciti di qualche suo esponente”.

“Abbiamo criticato più volte la politica del Pd, e rivendichiamo il diritto a farlo anche nel futuro, ma rifuggiamo alla idea qualunquistica del “tanto sono tutti uguali”, che mai ha portato lontano, e ci dispiace che questa propaganda sia utilizzata anche da persone e movimenti che potrebbero condividere con noi battaglie comuni. Noi per esempio reclamiamo con forza una nostra diversità, fatta di idee forti, di progetti concreti e di persone le cui storie passate e presenti non lasciano spazio a dubbi e sospetti”.

“Tuttavia ciò non toglie che siamo chiamati tutti a fare qualcosa di più affinché questi episodi criminosi non accadano e, soprattutto, ad apprestare gli antidoti alle infiltrazioni mafiose all’interno della nostra provincia. Possiamo farlo, come abbiamo già evidenziato nei giorni scorsi, con il controllo delle gare di appalto, con la trasparenza delle decisioni, con la partecipazione democratica dei cittadini e con una svolta nella gestione del territorio e dell’urbanistica che riaffermi l’interesse generale su quello privato”.

“La partecipazione di Sinistra Ecologia Libertà alla coalizione di centro sinistra mantiene quindi il suo significato, nonostante le recenti vicende, perché revisione del Puc, trasparenza e partecipazione democratica rimangono alcuni dei punti fondamentali dell’accordo a sostegno della candidatura di Federico Berruti. Ed accanto a questi l’impegno per la scuola pubblica, la libertà nelle scelte personali, i servizi ai cittadini, la destinazione di spazi alle imprese per la creazione di nuova occupazione, ed altro ancora che potrete trovare nel programma elettorale pubblicato sul nostro sito. Sappiamo però di avere una grande responsabilità, che è poi quella di pretendere che gli impegni presi in campagna elettorale diventino comportamenti concreti della prossima amministrazione della città di Savona e, con un forte consenso, non deluderemo i nostri elettori” conclude Acquilino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Aurelio, sono daccordo con te ma queste responsabilità, sulla tematica tanto trasversale come quella del calcestruzzo, sono radicate con un asse che va da destra a sinistra, imperniate sui due maggiori partiti PdL e PD-L … E non potrebbe che essere così, per fisiologici effetti collaterali dovuti all’entità dei due schieramenti.
    Apprezzo molto la politica di SEL e di IDV per i temi e le battaglie che conducono e che potrebbero indurre la sinistra, che ha il compito di liberare il Paese, a rivisitare una vera politica per il popolo. Sino ad oggi le avvisaglie del cosiddetto “terzo polo” NON SONO PER NULLA BENEAUGURANTI.
    Lo dico con dispiacere perchè ci avevo creduto…
    Peccato, ci penseranno altri ad assumersi responsabilità interclassiste….che potrebbero anche passare attraverso partiti che tali non sono mai stati.
    Ma ha veramente senso parlare di interclassismo in un panorama ove le classi sociali stra-protette dagli aziendaliasti rappresentano un esigua minoranza dei Cittadini?…
    Quasi quasi non servirebbe nemmeno piu’ essere interclassisti….

  2. Scritto da Aurelio Bianchi

    Potete far qualcosa se la smettete di fare i camerieri del partito del mattone, e cominciate a pensare a quei quattro ingenui che vi votano.