IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni Savona: ecco eletti e possibili ripescati, con gli “eccellenti” che rimangono alla porta

Savona. Piero Santi, con 927 preferenze, si è confermato il recordman dei voti nella città capoluogo, sfatando il mito che il candidato di una lista sconfitta non possa guadagnarsi il bagaglio grosso di suffragi personali. Medaglia d’argento della speciale classifica a Franco Lirosi (Pd) con 791, il bronzo virtuale è invece stato portato a casa da Isabella Sorgini con 443.

Ma veniamo nel dettaglio gli eletti e i possibili ripescati. Per il Partito Democratico entrano in consiglio, oltre a Lirosi e Sorgini, Paolo Apicella (420), Ruggero Basso (405), Luca Martino (384), Emilia Minetti (308), Giovanni Carlevarino (288), Carlo Frumento (257), Monica Nigro (194), Eleonora Arboscello (173). Se, come molto prevedibile, al Pd andranno 4 posti nella futura giunta potrebbero essere ripescati Rodolfo Tassara (165), Massimo Bianchi (160), Reginaldo Vignola (160) e Mauro Core (142). Quasi sicuramente fuori dal parlamentino, per un solo voto, si ritroverebbe il consigliere uscente Federico Larosa.

Per la lista civica pro Berruti risultano eletti Sara Vaggi (288), Giovanni Maida (182) e Andrea Addis (147). In caso di assessorato alla Vaggi sarà ripescato Pierluigi Pesce (123). Sempre per i partiti della coalizione vincente dovrebbero entrare la novità Christian Bagozzi (202) che ha sbaragliato la “concorrenza interna” di Rosario Tuvè, fermo a 144 preferenze.

Per l’Udc-Api entrano gli ex forzisti Giuseppe Casalinuovo (361) e Giamiero Aschiero (195); probabile il ripescaggio di Alfredo Remigio (186). Per il Psi scontata affermazione di Marco Pozzo (317). Primo dei non eletti è Stefano Demontis (176). Per Rifondazione Comunista entrano in consiglio Franco Zunino (148) e Jorg Costantino (92); probabile il ripescaggio di Dario Lavagna (88). Infine per SEL elezione diretta per Sergio Lugaro (185) e potrebbe entrare Sergio Acquilino (109).

Più certi i nomi dell’opposizione. Per il Pdl, oltre al candidato sindaco Paolo Marson, entrano Piero Santi (927), Luigi Bussalai (323), Ileana Romagnoli (307), Livio Bracco (307), Alessandro Parino (229). Per Fausto Benventuto (171) non si aprirebbero invece le porte. Per la lista Marson dovrebbe entrare Paolo Prefumo (127), che ha totalizzato la migliore performance di consensi nell’area civica a favore di Marson.

Per la lista del Movimento 5 Stelle ispirato da Beppe Grillo, oltre a Milena De Benedetti, entreranno Andreino Delfino (80) e Erminio Luigi Peroni (71). A Palazzo Sisto farà l’ingresso anche Daniela Pongiglioni della lista civica Noi per Savona, sostenuta dai Verdi.

Molti gli illustri esclusi: nell’area di centrodestra per esempio Fabio Orsi (146), Carlo Pesce (127), Roberto Nicolick (59) e Fiorenzo Ghiso (55). Nell’area democratica il già citato Federico La Rosa (141), Ferdinando Molteni (138) e Federico Saettone (90). Per il Psi, Pietro Li Calzi (150).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da apollo

    Complimenti a Lirosi che totalizza quasi 800 preferenze!! I savonesi l’hanno premiato perchè sanno che è una persona onesta, gran lavoratore e non soffre di “protagonismo”!! Auguri di buon lavoro a lui e compagni di squadra!!