IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni Alassio, Melgrati ribatte ad Avogadro su querelle giudiziarie: “Sente vicina la sconfitta”

Alassio. Marco Melgrati, Consigliere regionale del Popolo della Libertà e candidato consigliere comunale nella lista a sostegno di Luca Villani, replica a Roberto Avogadro nell’ambito della “querelle” giudiziaria che alimenta anche questi ultimi giorni di campagna elettorale.

“Ma quali 20 avvisi di garanzia: a me ne risultavano 18, ma se Avogadro ne conosce degli altri, me lo faccia sapere. E poi lo smemorato di Montalcino, nella aua assenza prolungata da Alassio, forse non si è informato e non ha letto delle ripetute assoluzioni, due negli ultimi due mesi – dice Melgrati -. L’unica cosa che rimane in piedi è una assurda condanna in primo grado per un reato (residence San Rocco) che non ho commesso…ma riassumiamo il fatto: sono stato condannato, è vero, in primo grado, per concorso in lottizzazione abusiva, non come sindaco ma come architetto. Certo che la commistione non la può invocare chi è disoccupato, e ha fallito (nel senso di non aver avuto successo) come albergatore in Toscana. Ho già dato mandato al mio avvocato di fare appello alla sentenza di primo grado. Nel dettaglio, ero il direttore dei lavori di opere interne di un Residence Alberghiero di n. 48 alloggi. Intorno ai primi giorni del dicembre 2003 il mio cliente mi comunica di voler aderire ad una legge dello Stato, il condono edilizio, per chiedere il cambio di destinazione d’uso dell’immobile, senza opere, da Residence Alberghiero a Alloggi di civile abitazione. Dopo aver espresso la mia contrarietà ho comunicato al cliente che il giorno dopo avrei rassegnato le dimissioni da direttore dei lavori e comunicato al Comune che il mio cliente intendeva autodenunciarsi con il condono edilizio, venendo meno il rapporto di fiducia tra cliente e professionista. Questo è quello che prevede la legge, in caso di irregolarità edilizie (peraltro ideologiche e non formali nel caso). Per me il caso era chiuso. Invece sono stato prima rinviato a giudizio e poi condannato, in primo grado, come Direttore dei Lavori e quindi Professionista, e non già come Sindaco, per un reato che non ho commesso, e dimostrerò in appello la mia estraneità ai fatti e la insussistenza del reato. Peraltro, già in sede di sentenza di primo grado, non avevo invocato la prescrizione (5 anni), che era già scattata (dic. 2003-dic. 2008, sentenza a dicembre 2009), e neppure l’indulto, proprio perché mi aspettavo una assoluzione con formula piena, che esigo e pretendo” spiega ancora Melgrati.

“L’altra e ultima cosa che ho in piedi è l’ipotesi di rinvio a giudizio per abuso d’ufficio e per concorso morale in abuso edilizio per il Grand Hotel. Scusatemi,  ma non me ne preoccupo più di tanto: sono sicuro in cuor mio di avere fatto tutto per il bene della città, nel rispetto delle regole e delle leggi, e sono sereno, che ancora una volta, se Dio mi assiste, la verità verrà a galla, e sarò prosciolto ancora una volta. Comunque, se per aprire il Grand Hotel, che oggi da qualcuno, pur di far terrorismo elettorale, viene messo in discussione, ho dovuto forzare un poco la mano, ma non è così, ne sono fiero e rifarei domani tutto quello che ho fatto”.

“Certo che io non ho l’immunità parlamentare, che ha salvato due volte l’ex senatore da procedimenti penali…ma lo smemorato non può (o non vuole) ricordare…sennò che smemorato sarebbe? Da ultimo voglio ricordare al signor Avogadro che l’anno scorso, di questi tempi, 1851 cittadini di Alassio hanno scritto il mio cognome su una scheda elettorale per le Elezioni Regionali, pari al 31,83% di tutti i voti espressi. Qualche cosa vorrà dire…” conclude Melgrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alex

    Vuol dire che non vedevano l’ora che te ne andassi!!!
    La hanno votata caro signor Ex Sindaco per allontanarla da Alassio, come ho fatto io, considerato i danni che ha fatto!!
    Purtroppo ora ci vuol tornare e questo per la povera Lega-Pdl sarà un boomerang….
    Meditate gente , meditate e fateviun giro per Alassio…..

  2. Scritto da roberto 2

    Lo hanno votato per toglierlo da Alassio, peccato che, uscito dalla porta, voglia rientrare dalla finestra.
    E poi gli avvisi di garanzia sono 18 non 20!!!!
    Che vergogna!!!!