IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Dumper”, 2 ore di interrogatorio per Drocchi: “Ho preso i soldi ma li ho investiti tutti nel Riviera” foto

Savona. Più di due ore. Tanto è durato l’interrogatorio di Roberto Drocchi, funzionario del Comune di Vado Ligure e presidente del Riviera Basket, arrestato con le accuse di corruzione continuata, falsità in atti pubblici ed occultamento di documenti contabili. Davanti al giudice per le indagini preliminari Fiorenza Giorgi l’ingegnere, assistito dal suo legale Fausto Mazzitelli, ha ammesso di aver ricevuto soldi in “nero” da Andrea Balaclava e in forma di sponsorizzazione da Pietro Fotia. Denaro che, ha specificato Drocchi, ha investito per intero nella società di basket. Non un euro sarebbe quindi finito nelle sue tasche. Il funzionario del Comune vadese però, pur ammettendo di aver ricevuto i soldi, non avrebbe ammesso di aver intascato mazzette per assegnare dei lavori.

“I lavori erano tutti di somma urgenza e sono stati assegnati con regolarità” sarebbe il senso delle parole pronunciate in carcere dal presidente del Riviera Basket. Sul perché molti dei lavori siano finiti alla Scavo Ter l’ingegnere avrebbe spiegato che succedeva visto che l’azienda di Fotia aveva i mezzi adeguati a certe tipologie di lavori: nessuno scambio di favori quindi, secondo l’indagato.

Come è stata spiegata le irregolarità nei documenti contabili della società sportiva? Drocchi ha detto di aver sempre registrato tutti i soldi che sono entrati nel Riviera Basket ma, al momento di presentare il bilancio, di aver dichiarato cifre differenti al solo scopo di restare entro una certo limite di ricavi dagli sponsor. Insomma nella società entrava una certa cifra ma a bilancio ne finiva un’altra, molto inferiore.

Drocchi avrebbe anche annunciato la volontà di collaborare con i magistrati. Per ora resta in carcere in attesa di un nuovo interrogatorio che si terrà davanti al sostituto procuratore della Repubblica, Ubaldo Pelosi, la prossima settimana. L’imprenditore Pietro Fotia, titolare della Scavo Ter (al centro di diverse direttrici d’indagine nei cantieri savonesi), difeso dal legale Emi Roseo e dall’avvocato Carlo Biondi, si è invece avvalso della facoltà di non rispondere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il liquidatore

    certo…li avrà reinvestiti in boutique, gioiellerie e locali della riviera.
    come possiamo dargli torto??!

  2. Scritto da Aurelio Bianchi

    Mi sembra che stiano cercando di indirizzare tutta la faccenda sulle sponsorizzazioni sportive.
    Tanto si sa che le società dilettanti hanno contabilità un po’ sul fai da te.

    E’ per loro importantissimo non collegare la vicenda con le attività politiche e professionali dell’ingegnere.
    Altrimenti scoppia un bel bubbone.
    Però è strano che Drocchi sia così importante nel partito, sia presidente di commissioni consiliari (guarda caso Sviluppo e Assetto del territorio – per combinazione il settore della Scavo-Ter), sia nella commissione Lavori Pubblici (!!!), e il partito non ne sappia proprio niente.
    In più l’ispettore di polizia è della CGIL (da dove arriva Di Tullio??).

    Siamo sicuri che sia solo un problema “sportivo”?????????

  3. Scritto da roberto 2

    Che fenomeno!!

  4. Scritto da dartagnan

    Mettiamola così,alcuni appassionati di sport finanziavano un presidente con l’intento di far divertire i cittadini tutti e lui non avvezzo ai ringraziamenti e schivo nel carattere non voleva far sapere quanto fosse grande la sua generosità.

  5. Scritto da huatulco

    Drocchi: “Ho preso i soldi ma li ho investiti tutti nel Riviera”
    Mbè? Se si ruba per la squadra si è meno colpevoli? Bel ragionamento…..