IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Delusione nel Pdl per il ko: “Savona si conferma roccaforte rossa”, Marson atteso in Comune

Savona. Volti e facce scure tra gli esponenti del Pdl e del centrodestra savonese per l’andamento dei risultati di queste elezioni comunali. Ad interpretare la delusione del Popolo della Libertà è stato il consigliere comunale uscente Alessandro Parino, braccio destro del candidato Paolo Marson in questa campagna elettorale: “Se gli ultimi dati fossero confermati sarebbe certamente una sconfitta pesante ed in parte inattesa”.

“Sapevamo che vincere era quasi impossibile, tuttavia è innegabile che il Pdl ed il centrodestra savonese si aspettavano una percentuale ben superiore rispetto a quella che sembra profilarsi. Savona si conferma una roccaforte rossa ed inespugnabile” conclude Parino. Intanto è atteso a breve l’arrivo in Comune a Savona del candidato Paolo Marson che rilascerà una dichiarazione sull’esito del voto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da apollo

    @ turbomax. C’entrano eccome, i dati della Sardegna del referendum sul nucleare! C’entrano perchè sono l’ennesima dimostrazione che B. non può continuare a prendere in giro gli italiani! D’altronde, è stato Berlusconi che ha voluto fare di queste elezioni amministrative un referendum sulla sua persona e sul governo, e tutte le gaffes, per dirla con un eufemismo, che ha detto in campagna elettorale gli si sono ritorte contro.Basta guardare i risultati di Milano!!!! E ora, tutti quanti a votare per i referendum a giugno, per dargli un’altra sonora sconfitta!!!!

  2. Scritto da turbomax

    Ma cosa c’entra il nucleare adesso e soprattutto i dati in Sardegna?

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Talvolta per perdere le elezioni bastano poche parole:

    “””In conferenza stampa il premier ammette: abbiamo fermato il nucleare per far fallire il referendum di giugno”””

    http://ambiente.essenzialeonline.it/politica/Berlusconi-confessa-tutto_18480.html

    Cosi’ si perdono le elezioni e sopratutto “la stima del popolo”.

    16 maggio 2011
    ….
    I dati definitivi – Alla fine i risultati hanno superato anche le più rosee aspettative del comitato del sì: al referendum regionale sardo contro il nucleare sono andati a votare il 59,34% degli aventi diritto. Per l’esattezza 877.982 elettori. Il sì ha stravinto: 98,14% contro neanche il 2% dei favorevoli al nucleare…….

    http://ambiente.essenzialeonline.it/politica/Referendum-nucleare-Sardegna-i-dati-definitivi_18512.html

    E non dimentichiamo che la Sardegna e’ l’unica regione dove da un punto di vista ambientale la presenza di impianti nucleari non rappresenta un pericolo.

  4. Scritto da otrebla

    Gervasio ci riusci a scardinare la “roccaforte rossa”, certo erano altri tempi, ancor più certo che allora vi erano altri spessori nella rapprersaentanza del centro destra.