IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Controlli Guardia Costiera, sequestrati 17 kg di pesce avariato e rete illegale

Savona. Si sono intensificati lungo tutto il litorale della provincia di Savona i controlli dei nuclei operativi difesa mare e delle motovedette della Guardia Costiera, al termine di una settimana che, complice anche il bel tempo, ha rappresentato l’avvio della fase preparatoria di quella operazione denominata “mare sicuro” che caratterizza ogni anno, nella stagione estiva, l’attività delle Capitanerie di Porto.

I militari della guardia costiera hanno iniziato controlli a scopo preventivo sugli arenili, dove è in pieno svolgimento l’attività elioterapica; i nuclei ispettivi pesca hanno continuato la loro costante attività volta soprattutto alla tutela dei consumatori, ottenendo un importante risultato a Torino dove, presso un mercato rionale, sono stati sequestrati, in concorso con i veterinari della locale Asl, 17 kg di pesce avariato che veniva comunque messo in vendita.

Il personale della motovedetta CP 863 della Capitaneria di Savona ha inoltre individuato e sequestrato una rete da posta, tipo barracuda, che era stata posizionata, probabilmente da un diportista, all’interno del porto di Varazze. La rete è stata salpata dai militari che hanno proceduto contro ignoti; salvo rari casi regolamentati in cui può essere svolta con la sola canna, la pesca in porto è di norma vietata sia per ragioni igieniche sia perche la presenza di attrezzi come la rete da posta può rappresentare un elemento di pericolo per la sicurezza della navigazione.

Sempre numerosi i pescatori sportivi che – via mail o sottoscrivendo un’apposita istanza in Capitaneria – hanno regolarizzato la propria attività dichiarandola ai fini del censimento del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali; sono ormai più di 400.000 in tutta Italia coloro che hanno ottenuto il tesserino per poter svolgere in mare l’attività di pesca sportiva/ricreativa, divenuto obbligatorio il 1° maggio scorso. Per chi viene sorpreso senza tesserino, ricordiamo, scatta la diffida a regolarizzare entro 10 giorni la propria posizione, interrompendo nel mentre l’attività di pesca, poi, a seguire per chi non si adegua, pesanti sanzioni da 1000 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Surfista: prova a mangiarti solo un etto di pesce avariato o a farlo mangiare ai tuoi famigliari e poi vieni a raccontarmi come ti senti….La Capitaneria lo scorso anno ha effettuato una importante e preziosa campagna di controlli anche nei ristoranti riscontrando un infinità di frodi in commercio. Credo che anche in questo caso, faccia comodo anche a te, quando vai al ristorante sapere di spendere soldi in cambio di un prodotto che è quello dichiarato e non , per esempio del volgare “smeriglio” al posto del pesce spada o del pesce surgelato al posto di quello fresco….
    Io spero che notizie come queste ci accompagnico per tutta l’estate e che i controlli si estendano come espresso nel primo post.
    Complimenti anche in questo caso alle Forze dell’Ordine del Mare!!!!!!! BRAVI!!!!!!!!!!

  2. Scritto da surfista

    OTTENENDO UN IMPORTANTE RISULTATO:
    SEQUESTRO DI BEN BEN BEN BEN 17 KG di pesce avariato.
    Incredibile che si facciano ancora questi articoli.

  3. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    I poveretti, residenti, che andrebbero volentieri la domenica a spiaggia (LIBERA), potendone trovare una… , si aspettano che si passino al setaccio gli stabilimenti della LOBBY piu’ potente, per vedere se questi “investimenti” costituiti da costruzioni realizzate sul SEDIME DEMANIALE sono realmente conformi alle concessioni, prima che tutto si trasformi in DIRITTO DI SUPERFICIE e si impossessino di cio’ che è di TUTTI!!!!
    Grazie Capitaneria!