IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ciclismo, festa per il “Trofeo Città di Loano”: vince Tocchella foto

Più informazioni su

Loano. Il 40° Trofeo Città di Loano si conferma gara di qualità in grado di restituire al pubblico le emozioni veraci che sono da sempre il valore aggiunto del mondo delle due ruote.

Quella andata in scena sulle strade della Rivera delle Palme in una domenica calda ed assolata è stata una corsa vera che ha visto i 181 atleti al via darsi battaglia dal primo all’ultimo chilometro in programma. Dopo i primi 40 km corsi ad andatura folle a lanciare le velleità dei più coraggiosi di giornata è stato il falsopiano di Pieve di Teco sul sul quale hanno preso il largo 15 atleti.

Gessa e Gallesi (Casano), Vasoli (Big Hunter), Cucciniello (Canturino), Shaimuratov (Russia), Anzani (Brugherio), Lain (Marianese), Tocchella (Aurea Zanica), Piovesan (Ucab), Luppino (Biassono), Masnada (Bergamasca), Urbani (Villadose Angelo Gomme), Pascazi (Messere Porte), Cellina (Gb Junior Team) e Grillo (Emilia Romagna) prendono il largo e guadagnano, strada facendo, fino a due minuti di vantaggio sul resto della corsa. Le rampe di Boissano non cambiano la sorte della corsa, a fare la differenza sono i tornanti del Magliolo che mettono le ali a Fausto Masnada (Bergamasca), al cui forcing riesce a resistere solo Alberto Tocchella (Aurea Zanica). La reazione del gruppo, arriva in ritardo con il russo Ilar Arslanov e il lombardo Andrea Garosio (Capriolo) che risalgono posizioni su posizioni ma non riescono a riprendere nè Masnada né Tocchella che transitano sul Gpm distanziati di una quindicina di secondi l’uno dall’altro conservando 40” sulle prime avvisaglie del gruppo.

Il finale era un testa a testa degno di thriller d’autore: Masnada, autore di una gara generosissima perdeva terreno chilometro dopo chilometro nei confronti di un Alberto Tocchella scatenato che lo raggiungeva a due chilometri dalla linea bianca e se ne sbarazzava con un allungo deciso all’ultimo chilometro.

Arrivo in parata per Alberto Tocchella (Aurea) che conferma la bontà e il valore del vivaio allestito da Paolo Lanfranchi. Per il ragazzo classe 1993 si tratta della prima vittoria stagionale, quella sfuggita ancora una volta a Fausto Masnada che, dopo il secondo posto ottenuto la scorsa settimana a Dozza (Bo) inanella un altro argento di grandissimo valore. Il terzo gradino del podio andava ad Andrea Garosio, il migliore dei big al via, seguito a ruota dal russo Arslanov, Petilli, Mandatori e Mosca.

Ordine d’arrivo:
1° Alberto Tocchella (Team Aurea) 117 km in 2h51’32” media dei 40.225 km/h
2° Fausto Masnada (Bergamasca) a 9″
3° Andrea Garosio (Capriolo Mobili Ostilio) a 20″
4° Ilar Arslanov (Russia) a 21″
5° Simone Petilli (Canturino 1902) a 44″
6° Francesco Mandatori (Messere Porte) a 1’00”
7° Jacopo Mosca (Ucab)
8° Leonardo Pastorino (Gb Junior Team)
9° Dmitry Belov (Russia)
10° Diego Brasi (Aurea Zanica)

– La gara, quella vera, è scattata solo alle 13.30 di oggi, ma la festa sulla Riviera delle Palme era già iniziata. Dopo l’accoglienza delle squadre provenienti da mezza Europa, infatti, si è tenuta nella serata di ieri, presso l’Hotel Excelsior di Loano (Sv), la tradizionale serata di gala con cui si è aperta la serie di celebrazioni per la 40^ edizione della classica internazionale riservata agli juniores.

Molti i vip del mondo del pedale e le autorità di spicco che hanno voluto presenziare alla cena che ha dato l’occasione al presidente del Velo Club Loano, Carlo Anselmo, ringraziare i collaboratori che in questi quattro decenni hanno portato avanti con passione la manifestazione loanese permettendole oggi di guardare al futuro con fiducia e rinnovato entusiasmo. “Voglio ringraziare tutti i volontari che in questi anni hanno dato il proprio insostituibile apporto per rendere grande questa corsa. Se abbiamo raggiunto il traguardo dei 40 anni e se abbiamo ottenuto la qualifica di gara internazionale è stato solo grazie al lavoro che abbiamo svolto in sinergia in questi anni” ha spiegato il numero uno della società ligure prima di soffiare con forza sulle candeline del 40° anniversario.

Parole di elogio, per l’impegno profuso a favore dei giovani talenti del ciclismo internazionale, sono state espresse dal sottosegretario Michelino Davico, dal presidente della provincia di Savona, Angelo Vaccarezza e dall’assessore allo sport del comune di Loano, Remo Zaccaria. “Il ciclismo è da sempre una scuola di vita per i giovani e, nonostante i tempi siano cambiati, lo è ancora anche oggi. I ragazzi trovano nei loro dirigenti gli esempi che permettono loro di crescere” ha spiegato il sottosegretario Davico, fresco vincitore della pedalata rosa disputata a Torino prima della cronosquadre che ha aperto il Giro d’Italia.

“Attendiamo sulle strade di Loano migliaia di appassionati per festeggiare questo 40° anniversario. Le premesse per un’altra grande giornata di sport ci sono tutte” ha aggiunto il presidente provinciale, Vaccarezza “La nostra città ha la fortuna di annoverare tra le proprie associazioni sportive il Velo Club Loano, che da sempre è una garanzia di qualità per quanto riguarda il ciclismo”.

A tenere a battesimo l’edizione del quarantennale, oltre al collegio dei commissari di gara e a tutti i collaboratori che oggi saranno al lavoro per allestire ogni dettaglio della manifestazione, anche Marco Villa, plurititolato della pista italiana, che oggi seguirà l’intera gara in qualità di osservatore per la nazionale italiana juniores. La volata è lanciata, il 40° Trofeo Città di Loano è già pronto per regalare nuove emozioni.

Il percorso: Loano, Borghetto Santo Spirito, Ceriale, Albenga, Ortovero, Ranzo, Vessalico, Pieve di Teco, Vessalico, Ranzo, Ortovero, Coasco, Cisano, Salea d’Albenga, Ceriale, Borghetto Santo Spirito, Loano, Boissano (GPM), Toirano, Borghetto Santo Spirito, Loano, Pietra Ligure, Finale Ligure, Calice Ligure, Eze, Cà del Moro, Magliolo (GPM), Bardino Nuovo, Tovo San Giacomo, Pietra Ligure, Loano. Tot. Km: 127,3 km.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bandito
    Scritto da Bandito

    Come sta la donna investita dai ciclisti in corso Roma? Noto che non se ne parla, mi sembra una grave mancanza di informazione da parte di un giornale.