IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ceriale, Santiago Vacca: “Caro compagno Di Tullio…”

Dopo 3 anni di batoste basta una tornata elettorale positiva per ritrovare nel segretario provinciale del PD il solito arrogante e saccente politico di sinistra. Ritenere che una cittadina di 5.000 abitanti quale è Ceriale abbia votato ad ampia maggioranza senza conoscere direttamente od indirettamente chi ha scelto per guidare la propria città è poco riguardoso nei confronti di chi ha esercitato liberamente il proprio diritto di voto.

Ne comprendo cosa intende quando parla di un “ristretto gruppo di persone che si sono appropriate di un simbolo” e soprattutto cosa c’entra il segretario provinciale del PD con quel simbolo sul quale non ha sicuramente diritto a decidere nulla a riguardo.

Una risposta vera però, caro compagno Ditullio, te la dobbiamo. Noi del centrodestra potremo anche fare degli errori di valutazione, sbagliare è un diritto di tutti e, da quanto ricordiamo, anche il PD ha recentemente ed abbondantemente usufruito di questo diritto (senza andare a cercare lontano non so se si ritiene soddisfatto del calo subito dal PD nelle amministrative a Savona da 12.070 voti del 2006 a 8.758 del 2011).

Forse il PD, dove non è certo, si accontenta di vincere nascosto in liste civiche per poi tirare fuori la propria bandiera in giorno dopo il voto. Noi invece, magari correndo qualche rischio, quando partecipiamo a liste civiche identifichiamo i nostri iscritti con il nostro simbolo con manifesti e materiale elettorale. Lascio a chi legge decidere quale comportamento ritiene più corretto.

Troviamo invece fuori luogo anche solo paventare “una protesta violenta” o esprimere giudizi del tono “oltraggiata dalla malvagità di pochi amministratori”. Toni talmente fuori luogo da non poter che essere strumentali da parte di chi pur di recuperare del consenso elettorale non esita a speculare su tutto e tutti. I Cerialesi sono orgogliosi della propria città e temo che speculare su questo difficile momento non è per il bene di Ceriale.

Sui soliti toni da comitato della liberazione gli ricordiamo che l’attuale amministrazione è stata democraticamente eletta e che sarà la stessa democrazia a dare ai cittadini, tra solo 2 anni, il voto e quindi il diritto di scegliere chi dovrà amministrarli e se valuteranno positivamente il lavoro svolto dagli attuali “malvagi” cerialesi che siedono nei banchi della maggioranza te ne dovrai fare una ragione.

Siamo fermamente convinti che la politica anche locale debba utilizzare toni diversi da quelli letti su Ceriale. Che si faccia la dovuta chiarezza ma nel rispetto delle tutele costituzionalmente previste, per fortuna, per tutti sia che siano uomini di destra che di sinistra. Non serve dichiararsi garantisti e poi etichettare come “pochi malvagi” coloro su cui sono, ad oggi, in corso delle indagini e verso i quali sono stati emessi solo i dovuti atti di garanzia, già sottoposti alla solita vergognosa gogna mediatico.
Se si è garantisti e si è persone serie lo si è fino in fondo.

Santiago Vacca
Gianvittorio Berengan

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vale80

    Infatti ,mi riferisco sempre a Hi Tech,leggevo spesso i suoi commenti su Borgio Verezzi,durante le elezioni comunali

  2. Scritto da vale80

    Leggendo ora,che siamo in pieno sviluppo del caso Nucera:arresto del socio Damele e mandato d’arresto per Nucera,e dichiarazione del terzo fallimento della Geo s.r.l.,sicuramente le parole del consigliere Vacca appaiono un tentativo inutile di salvare le sorti della sua campagna elettorale,da coordinatore provinciale Pdl.Quanto a quelle del segretario provinciale Di Tullio apparivano parole di chi sa già di avere la vittoria in mano con questa vicenda:tutto questo non giustifica la sua pochezza verbale:”Noi vogliamo liberare Ceriale da questo tappo “.Sembra che il Pd quando vuole vincere deve per forza rifarsi alla magistratura:avvisi di garanzia,inchieste ecc. e che qualcuno gliela voglia sempre dargliela vinta e anche riuscendoci!nello stesso tempo,Santiago Vacca afferma che loro non si nascondono dietro false bandiere e che riconoscono gli iscritti dai simboli e dalle bandiere,ma avrebbe potuto anche tacere,considerando quello che è avvenuto in altri paesi.visto che lo scontro è successo a Ceriale in cui non ci sono state le elezioni comunali,negli altri paesi ci sono state eccome!E da quanto ho potuto vedere dei candidati del PDL nei manifesti elettorali non avevano il simbolo del PDL,bensì della Lega Nord:cosa intende Vacca quando afferma che quando partecipano a liste civiche riconoscono gli iscritti dai simboli,ma loro stessi,cioè i candidati,da cosa si riconoscono?Se si riconoscono dai simboli della coalizione di maggioranza che c’è al Governo,o meglio c’era,sono candidati con crisi d’identità:non puoi presentare un candidato del PDL nei manifesti con il simbolo della Lega nord,anche se si presentano nella stessa Lista civica.Poi,dall’altra parte,vero è che le liste del PD si nascondono dietro liste che non si distinguono neanche per coalizione,che quando rilasciano dichiarazioni si presentano come Sindaci di una lista civica e non del PD,ma almeno,prima di parlare di simboli e manifesti,devi essere certo di poter rivolgere la critica,altrimenti ti rendi ridicolo!Infine,per Hi tech,se volevi far intendere che a ceriale non ci sono le elezioni,certo non era il caso di parlare di Milano e Napoli,bastava portare esempi di altri paesi in cui queste elezioni sono avvenute,senza tirare in ballo città di tale portata,almeno che non sei coinvolto direttamente.Poi a leggere adesso i giornali,sembra una previsione del caso Nucera,che addirittura pare abbia raggiunto Abu Dhabi!

  3. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    “Lascio a chi legge decidere quale comportamento ritiene più corretto.”
    Ok. Ho letto e ho deciso.
    Il comportamento piu’ corretto è quello di Di Tullio.

    Colgo l’occasione per ricordare a Vacca che in queste ore 6.000.000 di elettori, pari al 13% circa dell’elettorato si stanno esprimendo nei ballottaggi comunali, i quali hanno, checchè ne dicano i destinatari della batosta, una valenza piuttosto significativa, anche sul piano politico nazionale.
    Perdere MIlano potrebbe rappresentare per tutto l’apparato dei liberal-post-socialisti il fallimento di un caposaldo “para-ideologico” su cui si poggia tutta la vostra…specie di politica. Perdere Napoli, potrebbe parimenti significare che gli elettori non si possono comprare con un pezzo di pane.
    Se le grosse città dovessero esprimersi come avvenuto nel ponente ligure, non credo che ci sarà più bisogno di alcun coordinatore locale, per rimettere assieme i pezzi di un puzzle triturati dallo spirito di liberazione collettivo.