IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, Piccoli Amici 2003: giovedì il “Torneo Felice Levratto”

Vado Ligure. Giovedì 2 giugno si svolgerà presso le strutture del Vado F.C. il 2° “Torneo Felice Levratto”, riservato alla categoria Piccoli Amici 2003.

Felice Levratto è stato indubbiamente uno dei giocatori più rappresentativi, se non il più rappresentativo, della lunga storia del Vado F.C. 1913. Arrivato in rossoblu all’età di 16 anni dalla Lampos, all’epoca altra squadra vadese, si affermò, nel ruolo di ala sinistra, agli occhi di tecnici e tifosi per le sue indiscutibili doti tecniche e atletiche, trascinando con le sue reti il Vado alla conquista della Coppa Italia, la prima messa in palio nella storia del calcio italiano, nel 1922.

In quell’occasione, con un gran tiro sfondò la rete della porta della formazione avversaria, l’Udinese, regalando il prestigioso trofeo ai vadesi e guadagnando per sé il giusto appellativo di “sfondareti” che lo accompagnò per tutto il resto della sua importante carriera. Quel successo fu per lui un incredibile trampolino di lancio, poiché da lì partì un cammino nel corso del quale arrivò vestire la maglia della nazionale A per 28 volte, di cui 3 come giocatore vadese (unico calciatore nella storia ad indossare l’azzurro provenendo direttamente dal Vado), mentre collezionò 11 apparizioni nella nazionale B (una nel periodo di militanza nel Vado).

In azzurro segnò 4 reti, metà delle quali realizzate in nazionale B, invece i match che giocò come “vadese” nella nazionale A furono i seguenti: Italia – Spagna 1 – 0, Italia – Lussemburgo 2 – 0, e Italia – Svizzera 1 – 2. Queste tre partite si svolsero in Francia, a Parigi, dove la compagine italiana disputò i Giochi Olimpici del 1924. Sempre sotto la guida del commissario tecnico Vittorio Pozzo, Levratto partecipò anche alle Olimpiadi di Amsterdam, nel 1928, nelle quali gli azzurri giunsero terzi battendo nell’ultima e decisiva gara l’Egitto per 11 – 3.

A livello di club, Felice Levratto, dopo aver lasciato il Vado, approdò nell’allora Divisone Nazionale A vestendo le casacche di Hellas Verona, Genoa, Ambrosiana Inter e Lazio. A fine carriera, invece, si accasò nel Savona dove, nella stagione 1937/38 in serie C, decise con una sua rete un derby contro quel Vado da cui cominciò la sua ascesa nel calcio nazionale.

Svestiti i panni del calciatore, passò a quelli di tecnico con cui, in qualità di secondo, affiancò Fulvio Bernardini, dal 1955 al 1957, in quella Fiorentina che vinse lo scudetto nel 1956, fino ad arrivare sulla panchina del “suo” Vado nella stagione 1959/60, ottenendo un buon quarto posto nel campionato di Promozione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.