IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, Juniores: il Vado alza al cielo il “Trofeo Memorial Petitti” foto

Albissola Marina. Dopo il terzo posto al campionato provinciale Juniores, dopo il bronzo al Torneo di Pettenasco, per il Vado di mister Persano arriva il gradino più alto del podio nell’importante competizione del “Trofeo Memorial Petitti”.

In finale i rossoblu hanno battuto il Quiliano per 3 a 1. I vadesi protagonisti di questa finalissima sono stati Colombo, Tripodi, Barranca, D’Onghia, Guarda, Contatore, Murgia, Schirra, M. Pelle, Mazzonello, Cucchi; a disposizione Panucci, Minuto, Pastorino, G. Persano, Rapetti, Cerruti.

Una cornice di pubblico entusiasta ha accompagnato la sfida tra le due compagini ello stadio Faraggiana di Albissola. Vado subito incisivo secondo gli schemi messi in campo da Persano. Sfiora il goal al 9° con Mazzonello che calcia di poco fuori e successivamente con Pelle che di testa sfiora il montante. Il pericolo maggiore i ragazzi vadesi lo corrono al 25° quando il numero 9 del Quiliano calcia a porta sguarnita mandando la palla fuori. Schirra in mezzo al campo, con la sua esperienza, dirige i suoi compagni alla perfezione e insieme a Contatore e Murgia costruisce azioni offensive per Mazzonello, Pelle e Cucchi. Al 29° Murgia parte sulla fascia sinistra, scambia con Cucchi e mette dentro il vantaggio rossoblu. Il Quiliano non ci sta e prova ad accelerare la sua manovra che però si mostra abbastanza prevedibile trattandosi di lanci lunghi a scavalcare il centrocampo. In un’occasione, la fortuna è amica dei ragazzi di Persano, stampando sul palo un bolide da fuori area del Quiliano. Passano appena 10′ dal vantaggio rossoblu che, sull’ennesima azione offensiva, Pelle guadagna un calcio d’angolo. Si incarica della battuta Mazzonello che pennella per la testa di Cucchi, il quale sigla il raddoppio.

Nella ripresa il Quiliano cambia subito due uomini e rende la squadra più offensiva proponendo un 4-3-3. Ma la musica non muta se non al 10° quando, per doppia ammonizione, viene espulso Tripodi e il Vado si ritrova in dieci. Non c’è neanche il tempo di riorganizzare la formazione che il Quiliano accorcia le distanze su un calcio piazzato valutato fuori da Colombo ma che si insacca alla sua destra. Persano corre ai ripari e inserisce Pastorino a rinforzo della difesa al posto di Pelle, facendo a meno di una punta. Il resto dell’incontro vede il Quiliano sbilanciato in avanti alla ricerca del pareggio; la difesa del Vado però non concede spazi agli avanti biancorossi inchiodandoli sulla trequarti e rilanciando il contropiede con Cucchi e Cerruti. E proprio nel primo dei cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara Cucchi, lanciato da Rapetti, salta l’uomo e con la freddezza di un cecchino deposita in rete il definitivo 3 a 1.

La conquista di questo trofeo per mister Persano e per i suoi ragazzi rappresenta il coronamento di una stagione eccezionale. Pe la società vadese questa squadra rappresenta la consapevolezza di avere vinto la scommessa di inizio anno calcistico sul “laboratorio leva 1994”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.