IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo, tenta di violentare una minorenne sul treno: preso marocchino

Cairo M. Quella ragazzina seduta in una carrozza semideserta deve essergli sembrata una preda facile. E così A.B.H., marocchino di 34 anni, regolare sul territorio nazionale, ha deciso di “allietare” il suo viaggio su uno dei treni che collega il Piemonte alla Liguria sedendole accanto a riservandole attenzioni particolari.

Le si è avvicinato, ha iniziato ad accarezzarle i fianchi e poi, davanti al rifiuto di lei, l’ha afferrata con la forza e ha tentato di baciarla. La minorenne è riuscita però a svincolarsi e a raggiungere le carrozze più affollate dando l’allarme e salvandosi così dall’orco.

Ad aspettare il marocchino alla stazione di Cairo Montenotte sono stati i carabinieri che lo hanno arrestato per violenza sessuale perpetrata nei confronti di una minorenne. Il pubblico ministero Giovanni Battista Ferro, pur avendo convalidato l’arresto, ha però disposto la liberazione del giovane. Il 34enne sarà comunque sentito nei prossimi giorni dal gip.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Mi chiedo dove è finito il “comprensivismo” culturale, si quello che giustifica tutto a maggior ragione se sono di culture differenti. No perchè mi pare che qui stia imperando. D’altronde uno, chiunque sia rosso e nero non ha alcuna importanza, che tenta di violantare vostra figlia, gli vogliamo mostrare il lato superiore della nostra civiltà superiore o no?
    Certo è un dato di fatto che in Marrocco la violenza sulla donna sia considerato aspetto trascurabile se non inesistente e dunque pensino di conseguenza anche in Italia. Però grazie ad una cultura di centro sinistra ci hanno insegnato (cosa che sta avvennendo in Germania, in Inghilterra, in Francia tutti scemi eh?) che chiedere per vivere in un Paese di rispettare ed accettare i metri e i costumi locali fosse una bestemmia i risultati sono inevitabili. E no invece le regole lorsignori sarebbero un pò diverse e sono sicuro che il Signo Pisapia le farà sue: se vuoi vivere in Italia nessuno ti toglie la tua cultura e religione ma rispetti le REGOLE fino all’ultima virgola se no puoi anche tornare a casa tranquiloo tranquillo. E’ così terribile amici “noisti”?

  2. Giudice
    Scritto da Giudice

    Concordo in pieno con Bandito. Vada per l’integrazione, ma sono loro che devono integrarsi con i nostri usi e costumi, le nostre leggi, le nostre regole. Non certo il contrario. Se non gli va bene che restino a casa loro o scelgano altri lidi.
    …ma purtroppo questo Paese, per paura di ledere i diritti altrui , lasci che siano lesi i propri.

  3. Bandito
    Scritto da Bandito

    pmax, saremo anche noi ad avere una cultura diversa dalla loro, ma è la cultura di casa nostra, se non gli va bene restano in nordafrica.

  4. Scritto da NormaB

    Io proporrei una medaglia, oltre che per il marocchino, anche per il pubblico ministero… Ma come si può lasciare libero uno che ha tentato di violentare una ragazzina???

  5. aratro e spada
    Scritto da aratro e spada

    San Giuseppe e’ sempre sui giornali. O per risse o per problemi legati ai treni o per i vagabondi che la popolano. Ora vediamo anche una povera creatura molestata e chissà quante rischiano ogni giorno! San Giuseppe e la sua stazione sono un grosso problema che sembra impossibile sconfiggere…..o forse nessuno ne ha voglia??