IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bilancio operativo della polizia, il questore: “I reati diminuiscono, provincia tranquilla” foto

Savona. Sarà festeggiato domani al Teatro Chiabrera di Savona il 159° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato. In attesa dell’appuntamento, i dati che emergono dal bilancio operativo da marzo 2010 a marzo 2011 vedono una diminuzione dei reati rispetto al periodo precedente.

Sono state 159 le persone arrestate in flagranza di reato, 5 i fermi di polizia giudiziaria e 28 gli arrestati in esecuzione a provvedimenti dell’autorità giudiziaria. La polizia ha scoperto 2 omicidi dolosi, mentre altri 2 sono stati oggetto di indagini in quanto denunciati. 21 le rapine denunciate, 11 quelle scoperte. 3 estorsioni segnalate e 3 scoperte. Per quanto riguarda i furti, 649 sono quelli denunciati e 73 quelli scoperti. Sul fronte dei sequestri di sostanza stupefacente, la polizia savonese ha bloccato 130 grammi di eroina, 2,5 chili di cocaina e 691 grammi di hashish.

Nel complesso la squadra volante ha controllato 37.040 persone e 16.744 veicoli, ha predisposto 3.743 posti di blocco e arrestato nei vari rami di attività 73 persone. La squadra mobile invece ha tratto in arresto 75 persone e ne ha denunciate a piede libero 248, eseguendo inoltre 24 ordinanze di custodia cautelare in carcere. Questi i dati salienti degli ultimi mesi.

“Si tratta di un bilancio che registra una diminuzione dei reati: la provincia savonese rimane una provincia tranquilla” evidenzia il questore, Vittorino Grillo, che ha anche ricordato le due recenti emergenze sulle quali la polizia di Stato ha impiegato grandi energia: l’alluvione di Varazze, che ha visto in campo numerosi agenti, e l’arrivo degli immigrati tunisini da Lampedusa, con il rilascio di 300 permessi di soggiorno temporanei da parte dell’Ufficio Immigrazione e l’allestimento di un Infopoint presso la stazione per controllare l’afflusso dei migranti.

In occasione dell’alluvione a Varazze e nei giorni successivi è stato necessario coordinare il lavoro delle forze di polizia per affrontare i danni provocati dall’acqua e dal fango, garantire la messa in sicurezza delle situazioni più pericolose, organizzare le operazioni di soccorso e garantire l’ordine e la sicurezza pubblica. Il mattino stesso, a pochi minuti dall’accaduto, erano già presenti sul posto una ventina di operatori della polizia di Stato.

Quanto all’emergenza profughi, la polizia di Savona ha dovuto fronteggiare la presenza improvvisa di 309 nordafricani, a fronte di 40 segnalati in arrivo, che sono stati invitati a presentarsi allo sportello in date successive e scaglionati per il ritiro del documento di soggiorno. L’arrivo dei migranti, avvenuto in massa tra il 16 ed il 20 aprile, è stato gestito in collaborazione con il Comune di Savona e la Caritas Diocesana.

Sempre secondo il bilancio operativo, la polizia stradale ha accertato 35.492 infrazioni, ha sequestrato 132 veicoli e ne ha sottoposti 158 a fermo amministrativo. Altri reati rilevati: 395 guide in stato di ebbrezza alcolica, 28 guide sotto l’effetto di stupefacenti, 13.708 infrazioni per eccesso di velocità; spiccano poi il mancato uso di cinture di sicurezza (787), i controlli sui cronotachigrafi (1.782) e l’utilizzo di cellulare durante la guida (436). La polizia ferroviaria invece ha identificato 4.473 persone, ne ha arrestate 5 e denunciate 36, inoltre ha deferito all’autorità giudiziaria (per furti, danneggiamenti o rapine) 70 persone.

Il questore Grillo sottolinea anche i risultati del progetto “Narciso”, dedicato alla prevenzione del crimine attraverso le iniziative dedicate ai giovani. “Il contatto con il mondo scolastico, sportivo e giovanile si è dimostrato proficuo – afferma il questore – La Questura rafforzerà la sinergia con i soggetti e le associazioni giovanili per trovare altre iniziative condivise dedicate alla costruzione partecipata della sicurezza e della sua percezione. Da questo punto di vista, i cittadini savonesi si sono sempre dimostrati collaborativi e vicini con la polizia, cogliendo anche l’importanza del poliziotto di quartiere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigghy

    quando si dice la sfortuna…a una settimana dalla festa della Polizia indagano un poliziotto x fatti certamente poco simpatici e presunte amicizie poco chiare e poi non si fa tempo dire che la provincia è tranquilla che bruciano una gru nella notte…