IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albisola, Diego Gambaretto si schiera con il fronte anti-ampliamento TP: presentata mozione in Consiglio

Albisola S. Il consigliere comunale di maggioranza del Comune di Albisola Superiore Diego Gambaretta si schiera apertamente con il fronte del no all’ampliamento di Tirreno Power e presenta una mozione in consiglio comunale di sostenere pubblicamente l´esposto penale di accertamento della verità presentato contro la centrale vadese. “La mozione si voterà nel prossimo consiglio del 9 maggio – spiega Gambaretto -, alla presenza del Sindaco di Albisola Orsi, membro della commissione ambiente al Senato”.

“Per consapevolizzare i cittadini albisolesi sugli effetti nocivi della centrale a carbone di Vado Ligure, visto che i consiglieri di maggioranza hanno dimostrato di non conoscere l’argomento o hanno preso per vero ciò che dice il Senatore, convinto sostenitore del carbone, ho deciso di organizzare una conferenza pubblica dal titolo ‘ampliamento della centrale a carbone di Vado, un pericolo anche per la salute degli albisolesi?’. L’associazione più autorevole per parlare di questi argomenti, apartitica di volontari che persegue fini di solidarietà sociale, civile e culturale; promuove e sostiene iniziative, informazioni finalizzate al miglioramento di vita e di salute dei cittadini, Uniti per la Salute Onlus, farà una panoramica sull’argomento” precisa il consigliere comunale.

“Alla conferenza, a cui seguirà dibattito, interverranno anche il consigliere di opposizione Dott. Giovanni Tessore, l’Ing. Paolo Forzano che parlerà delle alternative energetiche possibili e l’ex Vicesegretario della Lega Nord Giancarlo Bertolazzi, da sempre in prima linea contro l’ampliamento” spiega Gambaretto che aggiunge: “Sicuro che il Sen Orsi, da buon burocrate, troverà qualche trucchetto per non votare la mozione mi appello al buon senso ed all’onestà intellettuale dei membri di maggioranza, in particolar modo all’assessore all’ambiente Roberta Casapietra, che lavora per l’agenzia regionale per l’energia della Liguria, ente incaricata di attuare le politiche energetiche regionali per portare la Liguria ad una posizione di eccellenza nazionale in termini di innovazione e di realizzazioni nel settore dell’energia”.

“Oltre a tale ruolo istituzionale, ARE Liguria S.p.A. ha anche una funzione più operativa di promozione e partecipazione diretta nella realizzazione di iniziative e progetti, assicurandone la coerenza con le politiche energetiche regionali, la condivisione con i soggetti locali e il rispetto delle peculiarità del territorio. La salute è la cosa più importante che abbiamo, i politici dimostrino di avere coraggio ed essere dalla parte dei cittadini: un atteggiamento che non paga se si vuole fare carriera politica od ottenere vantaggi, ma che fa sentire a posto con la coscienza” conclude Gambaretto.

L’incontro pubblico è stato fissato per domani sera, alle 20,45, presso la S.M.S. Paolo Boselli (via Colombo). Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. sampei29
    Scritto da sampei29

    Confermo il mio giudizio sul Sig. Gambaretto: pur non condividendone spesso modi e idee, non posso non apprezzare il coraggio e la volontà di impegnarsi per il bene comune.

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    A quanto pare Dirego cercas di forzare i lucchetti del partito e ha deciso di sabotarlo dallinterno. Non so se si è reso conto dove sta andando ad infilarsi…
    Non cambia partito perchè crede nei profondi ideali e principi del partito (che tutti oggi hanno capito non esistere e che sono solo riconducibili ad una sola persona) e non accetta di sottostare al caporale locale. Auguri.