IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, attentato al chiosco “Zerlotin”: torna in carcere il marocchino fermato a marzo

Albenga. Individuato, arrestato, scarcerato dal gip pochi giorni dopo il fermo ed ora di nuovo in manette su disposizione del Tribunale del Riesame di Genova. Non si è goduto a lungo la libertà Abdellah Maait, il marocchino di 26 anni, irregolare sul territorio italiano, che era finito in manette a metà marzo perché ritenuto il responsabile dell’attentato incendiario che, pochi giorni prima, aveva completamente distrutto il chiosco di piazza Petrarca, uno dei locali storici di Albenga.

Allora il gip aveva parlato della mancanza di gravi indizi di colpevolezza a carico del giovane tali da giustificare la custodia cautelare in carcere. Il caso è arrivato però al Tribunale del Riesame di Genova che ne ha ordinato l’immediato ri-arresto. L’uomo è stato individuato ieri sera, intorno alle 20, dai carabinieri di Albenga in piazza del Popolo, proprio a due passi dal chiosco cui il 26enne avrebbe dato fuoco il 2 marzo scorso.

Abdellah Maait aveva raccontato di essere stato tutta la sera da alcuni parenti a Leca D’Albenga e, dunque, di essere innocente. Due ragazze lo avevano però visto nei pressi del locale proprio la sera dell’attentato e lo avevano riconosciuto dalle foto segnaletiche mostrate dai carabinieri che avevano selezionato alcuni “volti noti” fra i nordafricani della zona che frequentavano anche il chiosco. Quelle prove, giudicate insufficienti in un primo momento, sono state giudicate convincenti dal Riesame. E il 26enne è tornato in carcere. Ora, Beppe Zerlotin, il proprietario del locale, molto conosciuto ad Albenga, può dare un volto e un nome a chi avrebbe preso di mira la sua attività.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Total War
    Scritto da Space Limit

    scusa giudice hai ragione, la confusione del momento. ovviamente mi riferivo al gip.

  2. red1966
    Scritto da red1966

    concordo che anche i giudici, GIP e PM… come i medici, gli appartenenti alle FFOO e qualunque altro professionista o lavoratore siano ritenuti responsabili dei loro “palesi” errori!!!!

  3. pirata
    Scritto da pirata

    meno male che c’è ancora il riesame …

  4. Giudice
    Scritto da Giudice

    x Space Limit: solo una precisazione … Il P.M. non c’entra niente. La decisione è stata presa dal GIP.

  5. Total War
    Scritto da Space Limit

    cortese redazione vi prego di pubblicare quanto scriverò, ne rispondo io! il pm che ha liberato questo delinquente (e prego di documentarsi sulla sfilza di precedenti di questo fenomeno per chi ancora lo reputasse un povero immigrato) deve , come tutti i lavoratori che sbagliano, pagare di tasca sua il danno arrecato alla società. I soldi dei contribuneti spesi piu volte non sono bazzecole, il tempo sottratto alla forza dell’ordine che già, a differenza del togato, avevano fatto, e bene, il loro lavoro non è un gioco….è ora che in questo paese chi sbaglia paga, non che ci sono categorie di intoccabili!!