IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vaccarezza su chiusura Mare Forza Dieci: “Inutile tenere in piedi un carrozzone”

Savona. Continua la polemica in merito alla decisione di Palazzo Nervi di chiudere Mare forza dieci, la società partecipata dalla Provincia di Savona e dal Consorzio Mediterraneo, attiva da una decina di anni e proprietaria dello storico “Grillo”, il vecchio gozzo ligure trasformato dall’associazione in barca-laboratorio per promuovere la cultura del mare tra bambini e disabili. Nei giorni scorsi l’assessore regionale alle politiche sociali Lorena Rambaudi, aveva puntato il dito contro il numero uno della Provincia  definendo tale decisione “un grave errore”.

“Non mi stupisce molto la polemica fatta dal centro sinistra, o meglio, dal Pd savonese sulla vicenda dell’associazione Mare forza dieci – ha replicato Vaccarezza – Credo sia mio dovere però dare qualche numero su cui la gente possa riflettere: la R.E.P.A, solo negli ultimi 6 anni, ha ricevuto incarichi dal settore ambiente della Provincia per 314 mila euro, incarichi che potevano essere serenamente dati ad altre aziende che avrebbero fatto lo stesso lavoro. La R.E.P.A, in questi 6 esercizi, ha prodotto 60 mila euro di perdite dovute probabilmente al fatto di dover stipendiare un consiglio di amministrazione che, guarda caso, prende circa 10 mila euro l’anno di ‘prebende’”.

“L’attività sociale svolta dalla società attraverso il gozzo “Grillo”, non verrà meno perché la barca  resta nel patrimonio della nostra Amministrazione e le convenzioni fatte dalla R.E.P.A. saranno portate avanti dalla Provincia. La differenza è che per un’attività, seppur importante, ma di una portata economica decisamente modesta, mi sembra inutile tenere in piedi un carrozzone che muove più di 600 milioni delle vecchie lire in dieci anni” prosegue Vaccarezza.

“So che per la cultura del centro sinistra è meglio avere tante persone che prendono qualche gettone per poter avere tanti voti, questa non è la mia politica, la mia politica è che i soldi pubblici devono essere spesi al massimo della loro potenzialità, quindi qualche marchetta di meno e qualche risultato di più” conclude Vaccarezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    “So che per la cultura del centro sinistra è meglio avere tante persone che prendono qualche gettone per poter avere tanti voti, questa non è la mia politica, la mia politica è che i soldi pubblici devono essere spesi al massimo della loro potenzialità, quindi qualche marchetta di meno e qualche risultato di più” . . . come andrebbe bene anche per tante Giunte Comunali . . . comunque BRAVO VACCAREZZA !!

  2. Scritto da Aurelio Bianchi

    Caro Angelo,
    ma allora non hai pito niente!

    Con un gozzo avevamo sistemato tre persone, un presidente e due consiglieri (sempre del gozzo!).
    Vuol dire 10-20 voti.
    E poi potevamo anche ‘gestire’ chi aveva diritto al servizio, perchè era più uguale di qualcun altro.

    Insomma, caro Angelo, rovini tutto!