IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Udc: il no a Marson per Savona mette a rischio gli accordi a Loano e Alassio

Più informazioni su

Savona. Solo un incontro formale con Paolo Marson, con la possibilità di una intesa ormai tramontata. Questa l’atmosfera che si respira nell’Udc savonese dopo le esternazioni del segretario regionale Rosario Monteleone che ha ribadito come il partito centrista sarà alleato di Federico Berruti e del centro sinistra, chiudendo di fatto la porta a Paolo Marson ed il centrodestra. “L’accordo con Berruti non c’è ancora, certamente la trattativa è in fase avanzata e manca pochissimo…” ha ribadito il segretario provinciale Roberto Pizzorno.

“L’Udc è una forza molto vicino alla famiglia e per questo chiederemo un assessorato che possa permetterci una azione diretta in questo campo” ha sottolineato ancora Pizzorno.

Restano da vedere le alleanze dell’Udc negli altri comuni del savonese. Certamente il no a Marson e al centro destra potrebbe mettere in discussione anche possibili accordi che l’Udc sta prendendo con le forze del centro estra nei comuni del ponente ligure, in particolare Loano e Alassio. Il Pdl aveva chiesto al partito centrista un appoggio anche a Savona, prima di dare l’ok ad alleanze anche in altri comuni. “I nostri coordinatori stanno concludendo le trattative” ha evidenziato Pizzorno.

Quanto alla presunta richiesta da parte dell’Udc di entrare nella giunta provinciale in cambio di un sostegno a Savona, così risponde il segretario Pizzorno: “Non siamo a caccia di poltrone, abbiamo chiesto convergenze programmatiche: un rimpasto con l’Udc all’amministrazione provinciale è sempre stata pura utopia”. Tuttavia questa potrebbe essere stato uno dei motivi che spingeranno il partito centrista a chiudere nei prossimi giorni l’intesa con Berruti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. james bond
    Scritto da james bond

    Belin hitech fa proprio ridere! Autorevole e valido Bellasio? …lo stesso bellasio che neppure un anno fa si candidava alle regionali con il PDL e prima fu il candidato presidente per il Polo della Libertà alle provinciali 2004? Quello che dopo la figuraccia colossale rimediata alle regionali (arrivato penultimo lasciandosi dietro solo il derelitto Marino oggi finito nel derelitto Fli) è passato all’udc? 
    Persona indubbiamente di una coerenza esemplare… I principi innanzi tutto… 
    Cercherà l’indulgenza di burlando per salvaguardare la sua carriera all’usl…
    Comunque la persona giusta nel partito giusto… Bellasio, il voltagabbana, nell’udc il partito che si vende ad ogni elezione al miglior offerente…
    Spero tanto che il PDL ad Alassio e Loano abbia il buon gusto di mandare a quel paese i rappresentanti dell’UDC che sicuramente si presenteranno con il cappello in mano per pietire qualche poltroncina… Le cosidette liste civiche non hanno possibilità di vittoria ad Alassio e Loano e con la vittoria in tasca a PDL e Lega i rappresentanti dell’udc staranno già scodinzolando… Ma a quella gente non bisogna dare neanche un osso…

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    L’UDC ha l’occasione per dimostrare coerenza ed allontanarsi dall’antipatico e subdolo ruolo di strumentalità che gli è stata appiccicato addosso. Nessuna pietà avanti alle richieste implorevoli della destra di “Loano e Alassio da bere”. Dimostrate che seguite una linea e non la vendete per un pezzo di pane e la gente saprà rendervi merito.
    Sono molto contento della presa di posizione con l’appoggio a Berruti che si è dimostrato un bravo sindaco. Marson che vada pure a elemosinare aiuti a qualcun’altro.
    La cosa che pare emergere dall’articolo, se le dichiarazioni virgolettate riportano esattamente l’esposizione di Pizzorno, è la una certa insoddisfazione nel dover subire l’ordine di scuderia (presumo di Monteleone) per quanto riguarda Alassio e Loano…. Una cosa che reputo ovviamente rappresentativa in senso negativo, in quanto sembra esprimere una nemmeno poi tanto velata, “apertura” all’accozzaglia di destra…. Se le cose stanno cosi’ non credo che la sua direzione provinciale potrà essere tanto differente da quella sino ad oggi portata ..avanti. La differenza è quella tra un partiticchi e una nuova forza di centro che pare subire ancora le influenze del potere di destra…. Per chi crede realmente nella ricostruzione di un partito di centro uno scenario un po’ deludente. In tal caso mi auguro che la nuova figura dell’autorevole e valido Bellasio, possa quanto prima assumere il controllo del nuovo organismo centrista e riportarlo su di una strada meno opportunista.

  3. Scritto da Aurelio Bianchi

    Ma come, un partito che ha una connotazione così limpida!

    Per la Francia o per la Spagna basta che se magna!

    Spero che li caccino da Alassio e Loano, e pure da Savona.
    Così si misurano per quello che valgono!