IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Uccise il figlio, processo in contumacia per Elisabetta Bertolotto: la mamma ha scelto di non essere in aula

Savona. Elisabetta Bertolotto, il 14 giugno prossimo, non si presenterà davanti alla Corte d’Assise di Savona. La donna, 34enne savonese, che lo scorso ottobre ha ucciso il suo bimbo di tre anni a San Bartolomeo del Bosco, ha infatti comunicato al tribunale di Savona la sua volontà di non essere presente in aula nel corso del processo, che si svolgerà quindi in contumacia.

La Bertolotto sarà processata con il giudizio immediato: la richiesta del rito alternativo era stata avanzata dal pubblico ministero Danilo Ceccarelli che, sulla base dell’esito della perizia psichiatrica sulla giovane mamma, intende chiedere il ‘non doversi procedere’ vista l’incapacità di intendere e volere della donna.

L’esito della relazione dei due periti aveva confermato che Elisabetta Bertolotto, nel momento in cui uccise, strangolandolo e soffocandolo, il figlioletto era totalmente incapace di intendere e volere. Il risultato al quale erano arrivati i due esperti nominati dalla Procura era in linea con la tesi della perizia psichiatrica di parte che era già stata consegnata al legale della 34enne savonese, l’avvocato Roberto Incorvaia. Vista la conclusione alla quale sono arrivati i periti, il pm ha quindi considerato la donna non processabile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Belan
    Scritto da Belan

    Chiunque uccida secondo me è incapace di intendere e volere.
    Questo è un paradosso.

    Se fosse stato un PADRE , andava in galera e non usciva piu’

  2. Scritto da birba52

    bisegnerebbe essere nella testa di questa donna per capire il dramma che ha vissuto

  3. paperino
    Scritto da lorenza

    non credo sia il caso di fare commenti su questa tragedia. meglio rimanere in silenzio

  4. Scritto da Aurelio Bianchi

    Ormai la sua vita è finita.
    Il rimorso la perseguiterà per sempre.
    Non c’è bisogno di accanirsi contro di lei.

    Non sono fatti nostri, lasciamola stare.
    Con tanti deliquenti che continuano allegramente a rovinarci la vita, possiamo rivolgere altrove le nostre invettive.

  5. maver80
    Scritto da maver80

    Io la obbligherei ad essere presente per farle ripercorrere tutti i passi, poi dritta in carcere!!!!!!!!!